Regno d’Italia – Casa Savoia

CARLO ALBERTO DI SAVOIA RE DI SARDEGNA

Arc. 378: S.M. Carlo Alberto di Savoia Carignano Re di Sardegna (Torino 02/10/1798 – Oporto 28/07/1849) in gran montura da generale piemontese. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

carlo alberto 1

Arc. 571: S.M. Carlo Alberto di Savoia Carignano Re di Sardegna in gran montura da generale piemontese. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

FAMIGLIA SAVOIA

img536

Arc. 388: Fotomontaggio della famiglia reale. Al centro il Re Vittorio Emanuele II. Dall’alto verso destra: Principessa Maria Pia, Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova, Amedeo Duca d’Aosta, Principe Eugenio di Savoia – Carignano, Oddone Duca di Monferrato, Umberto Principe di Piemonte e Principessa Maria Clotilde. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1860 ca.

img537

Arc. 389: Fotomontaggio dei sovrani d’Europa. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1860 ca.

img538

Arc. 1216: Fotomontaggio della famiglia reale. Al centro il Re Vittorio Emanuele II, in piedi: Vittoria Duchessa d’Aosta, Tommaso Duca d’Aosta, Principe Eugenio di Savoia – Carignano, Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Seduti da sinistra a destra: Principessa Maria Clotilde, Umberto Principe di Piemonte, Amedeo Duca d’Aosta, Elisabetta Duchessa di Genova, Principessa Maria Pia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1868 ca.

img539

Arc. 1504: Fotomontaggio della famiglia reale. Alla foto precedente sono stati aggiunti: in alto a sinistra il Principe Napoleone Giuseppe Gerolamo Bonaparte marito della Principessa Maria Clotilde e in alto a destra Luigi I Re del Portogallo marito della Principessa Maria Pia. Fotografia 13 x 17,2. Fotografo: Montabone – Torino. 1868 ca.

VITTORIO EMANUELE II DI SAVOIA RE    D’ ITALIA

Vittorio Emanuele II

Arc. 1033: S.M. Vittorio Emanuele II Re di Sardegna ( Torino 14 Marzo 1820 – Roma 9 Gennaio 1878 ) in gran montura da generale piemontese. Fotografia CDV. Fotografo Sconosciuto. 1859.

vittorio emanuele ii 1

Arc. 1202: S.M. Vittorio Emanuele II Re di Sardegna in gran montura da generale piemontese con spencer. Fotografia CDV. Fotografo: Disderi & C.ie – Paris 1859.

img084

Arc. 1202: S.M. Vittorio Emanuele II Re di Sardegna in gran montura da generale piemontese. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Furne Fils & H. Tournier – Paris.

img086

Arc. 1037: S.M. Vittorio Emanuele II Re di Sardegna in gran montura da generale piemontese con spencer. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: John Clarck 1860 ca.

img088

Arc. 1203: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’Italia in gran montaura da generale. Fotografia CDV. Fotografo sconosciuto. 1860 ca.

img089

Arc. 1213: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1868 ca.

img092

Arc. 1214: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo F.lli Alinari – Firenze 1868 ca.

img093

Arc. 1214: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: Del Sempre – Torino 1868 ca.

img363

Arc. 2299: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Bernieri – Torino. 1868 ca.

img364

Arc. 378: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img365

Arc. 991: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img366

Arc. 2041: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Bernieri – Torino. 1865 ca.

img367

Arc. 616: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img368

Arc. 379: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale e SS Papa Pio IX. Fotografia CDV da incisione. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img369

Arc. 1035: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Bernieri – Torino. 1865 ca.

img370

Arc. 380: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1865 ca.

img375

Arc. 1731: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1865 ca.

img794

Arc. 3024: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti da caccia. Fotografia Formato gabinetto. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1875 ca.

img376

Arc. 990: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti da caccia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img377

Arc. 858: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti da caccia. Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino. 1865 ca.

img371

Arc. 733: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia alle caccie di Valsavaranche. Fotografia cartolina. Fotografo. Sconosciuto. (1865 ca.) Datata 1901.

img390

Arc. 1036: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1869.

img378

Arc. 571: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img372

Arc. 1081: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img373

Arc. 1671: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia e Rosa Vercellana Contessa di Mirafiori e Fontanafredda ( moglie morganatica del Re ). Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1869.

img389

Arc. 1036: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino. 1869.

img374

Arc. 2301: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1869.

img387

Arc. 871: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1869.

img388

Arc. 870: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in abiti civili. Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: Sconosciuto. 1869.

img379

Arc. 615: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: E. Verzaschi – Roma. 1876 ca.

img380

Arc. 1614: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia formato gabinetto acquerellata a mano 11 x 16,5. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1876 ca.

img381

Arc. 2613: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1876 ca.

img382

Arc. 379: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1876 ca.

img384

Arc. 2425: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia 10,3 x 14,2. Fotografo: Sconosciuto. 1876 ca.

3

Arc. C: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia 31,3 x 41,7. Fotografo: Lovazzano – Torino. 1876 ca.

img385

Arc. 1035: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia CDV. Fotografo: Boggiani & Bacmeister – Stresa. 1876 ca.

img386

Arc. 872: S.M. Vittorio Emanuele II Re d’ Italia in gran montura da generale. Fotografia formato gabinetto 10,5 x 16,5. Fotografo: P. Fellini – Firenze. 1876 ca.

 

MARIA ADELAIDE D’ ASBURGO – LORENA REGINA DI SARDEGNA

 

 

img391

Arc. 380: S.M. Maria Adelaide Asburgo – Lorena Regina di Sardegna moglie di Vittorio Emanuele II ( Milano 1822 – Torino 1855 ). Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino.

 

FERDINANDO DI SAVOIA DUCA DI GENOVA

 

 

img392

Arc. 1037: S.A.R. Ferdinando di Savoia – Genova Duca di Genova in gran montura da generale piemontese. ( Firenze 15 Novembre 1822 – 10 Febbraio 1855 ) Figlio di Re Carlo Alberto e fratello minore di Re Vittorio Emanuele II. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

 

 

ELISABETTA DI SASSONIA DUCHESSA DI GENOVA

 

 

img393

Arc. 1038: S.A.R. Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova moglie di Ferdinando di Savoia. ( 4 Febbraio 1830 – Stresa 14 Agosto 1912 ) Fotografia CDV. Fotografo: C. Bernieri – Torino. 1860 ca.

img394

Arc. 1530: S.A.R. Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova moglie di Ferdinando di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Duroni & Murer – Milano. 1860 ca.

img395

Arc. 383: S.A.R. Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova moglie di Ferdinando di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1860 ca.

img397

Arc. 1531: S.A.R. Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova moglie di Ferdinando di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1865 ca.

img541

Arc. 2063: Umberto Principe di Piemonte, Principessa Maria Pia e Amedeo Duca d’Aosta. Fotografia 7,8 x 11,8. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1860 ca.

img542

Arc. 2418: Amedeo Duca d’Aosta, Umberto Principe di Piemonte e la Principessa Maria Pia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

 

UMBERTO I DI SAVOIA RE D’ ITALIA

 

img592

Arc. 718: Foto celebrativa del matrimonio fra il Principe Umberto di Savoia e la Principessa Margherita di Savoia – Genova avvenuto nel 1868. Fotografia CDV. Fotografo: H. Le Lieure – Torino.

img398

Arc. 1444: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Capitano del 3° Reggimento Fanteria “Brigata Piemonte” in gran montura. ( Torino 14 Marzo 1844 – Monza 29 Luglio 1900 ) Fotografia CDV. Fotografo: Disderi & C.ie – Paris. 1858.

img399

Arc. 1038: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante della Guardia Nazionale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1858.

img400

Arc. 2300: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante del 3° Reggimento “Brigata Piemonte” in gran montura. Fotografia: CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1859.

img234

Arc. 3100: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante del 3° Reggimento “Brigata Piemonte” in gran montura. Fotografia: CDV. Fotografo: E. di Chanaz – Torino. 

img401

Arc. 537: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1859 ca.

img402

Arc. 2204: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante di un Reggimento dei Lancieri in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: F.M. Chiappella – Torino. 1862.

img404

Arc. 2205: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante di un Reggimento dei Lancieri in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1862.

img598

Arc. 1307: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte probabilmente ritratto durante il viaggio a Istanbul. Fotografia CDV. Fotografo: Abdullah Fréres – Costantinople. 

img480

Arc. 1678: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante di un Reggimento dei Lancieri in gran montura con spencer. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1862.

img406

Arc. 2606: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Colonnello Comandante di un Reggimento dei Lancieri in gran montura con spencer. Fotografia CDV. Fotografo: John Clarck. 1862.

img407

Arc. 736: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: P. Barelli – Milano. 1862 ca.

img408

Arc. 1797: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1862 ca.

img360

Arc. 3143: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte in gran montura da Maggior Generale con spencer. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano.

img409

Arc. 1215: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1863.

img410

Arc. 1555: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1863.

img411

Arc. 2041: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1863.

img412

Arc. 860: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1863.

img413

Arc. 572: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura con spencer. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1863.

img414

Arc. 660: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1863.

img415

Arc. 1204: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1863.

img416

Arc. 1938: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale della Guardia Nazionale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Fabretti – Ancona. 1863 ca.

img417

Arc. 737: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Fotografia Pompejana – Napoli. 1866 ca.

img418

Arc. 2204: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1866 ca.

img419

Arc. 381: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1866 ca.

img420

Arc. 2300: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1866 ca.

img421

Arc. 1216: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: H. Le Lieure – Roma. 1870 ca.

img422

Arc. 2426: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: H. Le Lieure – Roma. 1870 ca.

img423

Arc. 1857: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1870 ca.

img424

Arc. 2017: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

img425

Arc. 1204: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Tuminello – Roma. 1870 ca.

img426

Arc. 1397: S.A.R Umberto di Savoia Principe di Piemonte Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Roma. 1875 ca.

img477

Arc. G2: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia formato 29 x 21,3. Fotografo: Sconosciuto. 

 

Arc. 2960: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Sconosciuto. 1878 ca.

img428

Arc. 1039: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: V. Besso – Biella. 1878 ca.

img430

Arc. 2610: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,3. Fotografo: Montabone – Firenze. 1880 ca.

img431

Arc. 1892: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,2. Fotografo: Montabone – Firenze. 1878 ca.

img432

Arc. 584: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia Generale d’ esercito in gran montura. Fotografia Cartolina. Fotografo: Brogi. 1900 ca.

img433

Arc. 2421: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,5. Fotografia: Guigoni & Bossi – Milano. 1900 ca.

img434

Arc. 683: S. M. Umberto I di Savoia Re d’ Italia. Cartolina necrologio stampata in occasione della morte del Sovrano in seguito all’attentato di Gaetano Bresci avvenuto a Monza il 29 Maggio 1900.

 

MARGHERITA DI SAVOIA – GENOVA REGINA D’ ITALIA

 

 

img435

Arc. 2607: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Figlia di Ferdinando di Savoia – Genova e Elisabetta di Sassonia e futura prima Regina consorte d’Italia ( Torino 20 Novembre 1851 – Bordighera 4 Gennaio 1926 ). Fotografia CDV. Fotografo sconosciuto. 1860 ca.

img436

Arc. 2607: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1865 ca.

img437

Arc. 1039: S.A.R Margherita di Savoia – Genova con il fratello Tommaso di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino. 1865 ca.

img438

Arc. 1932: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1865 ca.

img439

Arc. 1676: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1865 ca.

img440

Arc. 1076: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1868 ca.

img441

Arc. 1868: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1868 ca.

img442

Arc. 737: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1868 ca.

img443

Arc. 2615: S.A.R Margherita di Savoia – Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1868 ca.

img450

Arc. 2418: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1868 ca.

img444

Arc. 1206: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1868 ca.

img446

Arc. 2428: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1868 ca.

img447

Arc. 382: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: E. Neurdein – Paris. 1868 ca.

img448

Arc. 1306: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1869 ca.

img449

Arc. 1818: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1869 ca.

img451

Arc. 399: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte con il figlio Vittorio Emanuele futuro Re d’Italia. Fotografia CDV. Fotografo: E. Behles – Roma. 1869 ca.

img445

Arc. 1206: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Tuminello – Roma. 1870 ca.

img452

Arc. 2273: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1875 ca.

img455

Arc. 1530: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Principessa di Piemonte. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1875 ca.

img453

Arc. 1939: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1880 ca.

img454

Arc. 1939: S.A.R Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1880 ca.

img456

Arc. 1940: S. M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1880 ca.

img457

Arc. 1534: S.M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1880 ca.

img458

Arc. 2608: S.M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,3. Fotografo: Sconosciuto. 1880 ca.

img459

Arc. 2609: S.M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia formato gabinetto 10,7 x 16,4. Fotografo: Montabone – Roma. 1880 ca.

img460

Arc. 1766: S.M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,2. Fotografo: H. Le Lieure – Roma. 1880 ca.

6-2

Arc. G3: S.M. Margherita di Savoia – Genova Regina d’Italia. Fotografia formato gabinetto 35 x 45. Fotografo: Montabone – Firenze. 1880 ca.

 

AMEDEO DI SAVOIA DUCA D’ AOSTA

 

 

img462

Arc. 2614: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta in montura festiva da Colonnello comandante della 1^ Legione della Guardia Nazionale di Milano. ( 30 Maggio 1845 – torino 18 Gennaio 1890 ) Figlio di Vittorio Emanuele II e fratello minore di Umberto I. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1859 ca.

img463

Arc. 2064: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze. 1860 ca.

img464

Arc. 1967: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Capitano del 5° Reggimento “Brigata Aosta” in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1860 ca.

img465

Arc. 2724: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Capitano del 5° Reggimento “Brigata Aosta” in montura festiva. Fotografia CDV. Fotografo: F.lli Bernieri – Torino. 1860 ca.

img466

Arc. 2423: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

img467

Arc. 1413: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: A. Duroni – Milano. 1860 ca.

img599

Arc. 1142: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta probabilmente ritratto durante il viaggio a Istanbul. Fotografia CDV. Fotografo: Abdullah Frères – Costantinople. 

img609

Arc. 2966: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta probabilmente ritratto durante il viaggio a Istanbul. Fotografia CDV. Fotografo: Abdullah Frères – Costantinople. 

img468

Arc. 384: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Colonnello Comandante del 5° Reggimento “Brigata Aosta” in montura festiva. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1862 ca.

img469

Arc. 2149: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Colonnello Comandante del 5° Reggimento “Lancieri di Novara” in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Levitski – Parigi. 1860 ca.

img470

Arc. 1801: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Colonnello Comandante del 5° Reggimento “Lancieri di Novara” in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Grillet & C. – Napoli. 1860 ca.

img472

Arc. 384: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1866 ca.

img471

Arc. 1940: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: Levitsky – Parigi. 1867 ca.

img473

Arc. 1712: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta e la moglie Principessa Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna ( Parigi 9 Agosto 1846 – Sanremo 8 Novembre 1876 ). Fotografia CDV. Fotografo: Levitsky – Parigi. 1867.

img474

Arc. 1675: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta e la moglie Principessa Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna a un ballo in maschera. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1867 ca.

img476

Arc. 2148: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta in costume a un ballo in maschera. FotografiaCDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1867 ca.

img475

Arc. 2423: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’ Aosta Vice Ammiraglio in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1868 ca.

img477

Arc. 2427: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’ Aosta Vice Ammiraglio in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,3 x 16,4. Fotografo: Montabone – Torino. 1868 ca.

img478

Arc. 552: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’ Aosta Vice Ammiraglio in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1868 ca.

img479

Arc. 1868: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’ Aosta Vice Ammiraglio in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: London Stereoscopic & Photografic Company – Londra. 1868 ca.

img480

Arc. 2606: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’ Aosta Vice Ammiraglio in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1868 ca.

img487

Arc. 2426: S.M. Amedeo I di Savoia Re di Spagna. ( 1870 – /1873 ) Fotografia CDV. Fotografo: J. Laurent – Madrid. 1870 ca.

img488

Arc. 1207: S.M. Amedeo I di Savoia Re di Spagna. ( 1870 – /1873 ) Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

img481

Arc. 2615: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Maggior Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Società Fotografica Bolognese – Bologna. 1873.

img483

Arc.1891: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Maggior Generale in gran montura. Al petto oltre al collare dell’ Annunziata, la Medaglia Commemorativa delle campagne per l’unità e la Medaglia d’ Oro al V.M. guadagnata combattendo a Custoza nel 1866 alla testa della Brigata “Granatieri di Lombardia” dove venne anche ferito. Fotografia formato gabinetto 10,3 x 16,3. Fotografo: Montabone – Roma. 1874.

img484

Arc. 1322: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Maggior Generale in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,9 x 16,3. Fotografo: F.lli Vianelli – Venezia. 1873.

img485

Arc. 1577: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: G. Sommer – Napoli. 1874 ca.

img919

Arc. G3: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Tenente Generale in gran montura. Fotografia 19 x 32. Fotografo: Sconosciuto. 1885 ca.

img482

Arc. 2614: S.A.R. Amedeo di Savoia Duca d’Aosta Tenente Generale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Firenze. 1885 ca.

 

MARIA VITTORIA DUCHESSA D’ AOSTA

 

 

img489

Arc. 1941: S.A.R. Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna Duchessa d’Aosta ( Parigi 9 Agosto 1846 – Sanremo 8 Novembre 1876 ) e Regina Consorte di Spagna (1870 – 1873 ). Moglie di Amedeo Duca d’Aosta. Fotografia CDV. Fotografo: Levitsky – Parigi. 1867.

img492

Arc. 2302: S.A.R. Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna Duchessa d’Aosta e Regina Consorte di Spagna. Ballo in maschera. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1868 ca.

img486

Arc. 1856: S.A.R. Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna Duchessa d’Aosta e Regina Consorte di Spagna. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

img490

Arc. 1045: S.A.R. Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna Duchessa d’Aosta e Regina Consorte di Spagna. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

img491

Arc. 1435: S.A.R. Maria Vittoria Dal Pozzo Della Cisterna Duchessa d’Aosta e Regina Consorte di Spagna. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

 

MARIA CLOTILDE DI SAVOIA

 

 

img494

Arc. 626:  S.A.R. Maria Clotilde di Savoia (Torino, 2 marzo 1843 – Moncalieri, 25 giugno 1911). Maria Clotilde di Savoia nacque nel palazzo reale di Torino il 2 marzo 1843, figlia primogenita di Vittorio Emanuele II (allora ancora principe) e Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena. La madre si prese direttamente cura della sua prima educazione, rinunciando a balie e nutrici, trascorrendo con la piccola lunghi periodi al castello di Moncalieri assieme alla suocera Maria Teresa, moglie di Carlo Alberto. Clotilde manifestò sin dai primi anni un carattere mansueto e deciso a un tempo: bambina, imparò le preghiere e sviluppò un’inclinazione per una vita improntata agli insegnamenti della morale cattolica. Chechina, come fu presto chiamata, seguì in seguito il percorso riservato alle sue coetanee aristocratiche. Le sue giornate erano rigidamente scandite: le lezioni delle varie materie scolastiche venivano impartite da precettori scelti tra professori di rango, e a questo si accompagnavano la formazione spirituale e anche attività di maggior svago quali l’equitazione, da lei particolarmente amata. Venne affiancata inoltre dalla governante Paolina di Priola, che avrebbe ricordato con affetto molti anni più tardi, incontrando una sua pronipote. Clotilde dovette presto sperimentare oltremisura le mortificazioni promesse nell’intimo dei suoi pensieri: alle rinunce quotidiane si affiancarono, nel 1855, quattro lutti. Il 12 gennaio morì la nonna Maria Teresa. La sera del 16, giorno dei funerali, la madre Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena fu costretta a letto da una gastroenterite che la portò rapidamente alla morte, avvenuta il 20, due giorni dopo che la figlia aveva avuto modo di salutarla per l’ultima volta. Il decesso dello zio Ferdinando, duca di Genova, l’11 febbraio, e la perdita in maggio del fratellino Vittorio Emanuele completarono il triste quadro. La principessa affrontò il dolore con le armi della fede, che andò fortificando, come si evince da quanto scrisse nel diario, nelle lettere del tempo e, molti anni più tardi, nelle sue memorie. Continuò quindi la propria formazione spirituale, accompagnata dal monsignore domenicano Giovanni Tommaso Ghilardi, vescovo di Mondovì, dal barnabita Cesare Lolli e dall’abate Stanislao Gazzelli. Al tempo stesso, si fece apprezzare a corte anche per le buone maniere. In quanto prima donna dei Savoia, fu chiamata a fare gli onori di casa quando la zarina madre, Aleksandra Fëdorovna, venne a Torino nel maggio 1856 per tentare di ammorbidire i rapporti tra i Savoia e la Russia, scontratisi nella guerra di Crimea. Dovette ricoprire lo stesso ruolo nel dicembre 1857, in occasione della visita del granduca Costantino, fratello dello zar Alessandro II. Nel 1858 Cavour gestiva abilmente le trame diplomatiche piemontesi. Siccome l’imperatore francese Napoleone III, che già aveva avuto un passato liberale, sembrava ben disposto verso la causa risorgimentale italiana, il conte impiegò i propri sforzi nel formare un’alleanza con la Francia. Così, in segreto, i due uomini si incontrarono il 21 luglio a Plombières per concludere i celebri accordi. L’imperatore chiedeva la cessione di Nizza e della Savoia in cambio del suo aiuto, prodromo della Seconda guerra d’indipendenza italiana. Inoltre prometteva di garantire la propria protezione su un regno dell’Italia centrale svincolato dal potere pontificio e guidato, nei suoi obiettivi, dal cugino Napoleone Giuseppe Carlo Paolo (detto Girolamo) Bonaparte, nipote del più celebre Napoleone. Perché ciò fosse possibile, e perché l’alleanza fosse più stabile, era necessario un matrimonio tra Girolamo e una principessa di casa Savoia. La scelta cadde così su Clotilde. L’imperatore non fece delle nozze una conditio sine qua non per il rispetto degli accordi, ma Cavour capì facilmente come un rifiuto avrebbe compromesso le speranze di ricevere dalla Francia il sostegno necessario. Girolamo non aveva solo vent’anni più della possibile sposa, ma anche e soprattutto una concezione diversa della vita. Anch’egli liberale sin dalla giovinezza, si era spesso imbarcato in relazioni amorose fugaci e conduceva una vita lontana dai precetti della Chiesa, verso i quali nutriva al contrario un notevole fastidio. Tornato in Italia, il primo ministro informò Vittorio Emanuele, delegandogli il compito di informare la figlia sull’unione prospettata a Plombières. Dal castello di Casotto sopra Garessio. Clotilde spedì una lettera a Cavour, manifestando con molta gentilezza la sua naturale opposizione al matrimonio proposto, assieme alla consapevolezza del suo significato politico e a un pieno abbandono nella fede in Cristo. La primogenita del re passò tutto il mese di agosto a Casotto, meditando sulla risposta, e a settembre tornò a Racconigi. Fu qui che prese una decisione definitiva, accettando le nozze. Per quanto la scelta fosse condizionata da ragioni politiche, derivò in buona parte anche dalla convinzione di realizzare, attraverso una consapevole e al tempo stesso sacrificante adesione ai desideri di Cavour e dell’imperatore francese e alle esigenze della patria, la volontà di Dio. Pose tuttavia un’unica condizione: vedere il fidanzato prima di andare all’altare. La visita di Gerolamo veniva procrastinata, sicché la principessa ebbe intanto modo di lasciare Racconigi per tornare in città. L’incontro tra i futuri coniugi avvenne a Torino il 16 gennaio 1859, e permise di sciogliere le ultime riserve di Clotilde, rendendo ufficiali le imminenti nozze. L’annuncio suscitò veementi proteste all’interno della corte torinese, indignata nel vedere come la vita di una quindicenne venisse sacrificata per soddisfare le trame politiche dei governanti. Una missiva coeva, indirizzata da Costanza d’Azeglio al figlio Emanuele, svela la « riprovazione » di « tutte le classi sociali »: « La nobiltà l’ha manifestata non andando affatto alla prima illuminazione del teatro e al ballo Cavour ». Dopo questa dimostrazione, però, si « è andati in folla a teatro e a Corte », per « non tenere il broncio al Re e ancor meno alla principessa, che è molto amata ». Il 23 gennaio il generale Niel formulò al padre della sposa la richiesta ufficiale, mentre il 28 furono verbalizzati gli accordi di Plombières in un incontro tra il re, Gerolamo e l’imperatore. Domenica 30 gennaio 1859, nella cappella reale della Sacra Sindone, il rito del matrimonio venne officiato dall’arcivescovo di Vercelli Alessandro d’Angennes, ma concelebrarono anche i presuli di Casale Monferrato, Savona, Pinerolo e Susa. Clotilde rinunciava formalmente alla corona, portando in dote 500.000 lire, cui vanno aggiunte 300.000 lire di gioielli e 100.000 di corredo. Napoleone III poté quindi anche accrescere il prestigio della sua famiglia, imparentandola con una delle più antiche dinastie europee. Come era d’uso in occasione delle nozze di Casa Savoia, una grande festa seguì il rito sacro: parate e spettacoli nelle strade torinesi si unirono al fastoso ricevimento allestito in municipio. Una discreta somma, inoltre, fu devoluta ai poveri, a Torino come in Francia. Il giorno stesso del matrimonio gli sposi lasciarono la città. Il re, Cavour e La Marmora li accompagnarono in treno sino a Genova, dove tutti insieme assistettero, la sera, ad una rappresentazione presso il teatro Carlo Felice, tra l’entusiasmo della folla. Dopo aver dormito due notti sotto la Lanterna, Clotilde salutò il padre e salpò in direzione di Marsiglia, per proseguire in seguito alla volta della capitale francese. Nel pomeriggio del 4 settembre la principessa lasciò la Provenza a bordo di un treno imperiale, giungendo la mattina seguente a Fontainebleau; qui fece la conoscenza del suocero Gerolamo e della cognata Matilde ed infine, la sera del medesimo giorno, arrivò a Parigi, accolta a corte dalla coppia imperiale. Clotilde visse nella grande città francese per molti anni, non compresa dal marito, senza curarsi granché degli splendori della corte imperiale, e tutta dedita alla beneficenza. Modesta, ma fiera: quando l’imperatrice Eugenia, che non proveniva da una famiglia reale, le propose di saltare « il solito ricevimento dei funzionari », perché, continuò, « forse sarebbe troppo faticoso per voi », rispose: « Voi dimenticate, Signora, che io sono nata a corte e che a certe funzioni mi hanno abituata sin dall’infanzia », accentuando nell’imperatrice spagnola l’istintiva antipatia nei confronti di Clotilde, destinata poi ad attenuarsi con il tempo. Sin dall’inizio il coniuge, grazie ai ricevimenti ufficiali o alle serate libere che poteva trascorrere nel proprio appartamento privato, approfittò delle occasioni mondane offerte in grande quantità dalla città, non esitando a tradire la moglie. Girolamo riprese subito « tutte le sue abitudini di maturo scapolo », nonostante i « rimbrotti del padre, che nutrì una vera predilezione per la giovane nuora », e della sorella Matilde, e nonostante si affrettasse a rassicurare il suocero Vittorio Emanuele e il conte di Cavour sull’affetto che circondava Clotilde e sul proprio desiderio di renderla felice. Tuttavia, la principessa scriveva il 26 marzo ad un’amica di stare « a maraviglia » e di « essere estremamente felice ». Facendo leva su una fede sempre più solida, riusciva a sopportare di essere solo una pedina nello scacchiere politico, nonché l’infedeltà del marito, ricorrendo alla Messa quotidiana nella sua cappella privata al Palais-Royal e alla regolare assistenza ai malati in ospedale. La vita parigina di Clotilde fu tutta improntata in senso cristiano. Dopo la Messa quotidiana si recava ad assistere gli ammalati, mentre in casa sopportò la distanza di vedute con il coniuge, il quale solo raramente rompeva la solitudine della giovane donna, preferendo rimanere nei propri appartamenti. Il 20 giugno 1859 Clotilde si consacrò figlia di Maria nel convento agostiniano « Des Oiseaux », che aveva preso a frequentare regolarmente, e tre giorni più tardi « entrò nella locale associazione del Sacro Cuore di Gesù », inaugurando una devozione cui rimarrà sempre legata. Nel giugno 1860 la già precaria salute del suocero di Clotilde, Gerolamo, con cui la nobildonna aveva instaurato sin dal principio un rapporto affettuoso, peggiorò. La coppia giunse al capezzale del morituro a Vilgénis, in Seine-et-Oise. Nei giorni che seguirono, la figlia di Vittorio Emanuele accudì il malato quotidianamente, desiderando che potesse ricevere l’estrema unzione prima del trapasso. Pur conoscendo la volontà contraria del marito, Clotilde scrisse agli imperatori chiedendo l’invio di un ecclesiastico: il 23 giugno arrivarono a Vilgénis il cappellano di corte e l’arcivescovo di Parigi. Gerolamo morì ricevendo l’estrema unzione. Furibondo, il consorte cacciò la principessa da Vilgénis e la allontanò dalla famiglia. Il 24 la donna tornò comunque a Vilgénis, dove assistette al trapasso del suocero, mentre questi, pare, « abbozzava un sorriso al crocifisso che la suora gli porgeva ». Gli eventi italiani andarono nel frattempo accelerando, e anche oltre oceano l’incipiente Guerra di secessione americana suscitava gli interessi della politica francese. Nella primavera del 1861 il marito di Clotilde si imbarcò alla volta del Nuovo Mondo, deciso ad ottenere vantaggi commerciali per il suo paese. Quando seppe che sullo yacht era salita anche la giovane principessa, Vittorio Emanuele si lasciò andare ad una certa perplessità, preoccupato per il lungo viaggio, che doveva comunque condurre la primogenita solo fino a Lisbona. Tuttavia Clotilde volle accompagnare Napoleone fino in America. Ottenuto il consenso del consorte, dopo oltre due mesi di navigazione sbarcò con lui a New York, dove fu lasciata qualche tempo da sola, mentre Plon Plon si dirigeva verso gli Stati del Nord e verso il Canada. Nella grande città la donna ricominciò a seguire regolarmente la Messa e riprese le pratiche di pietà, da cui durante la traversata si era astenuta per non irritare il marito. A New York frequentò anche con assiduità il convento del Sacro Cuore. Fu, il viaggio americano, uno dei rari momenti di intimità con il coniuge. Al ritorno in Francia Clotilde era incinta per la prima volta. Tuttavia, la distanza tra marito e moglie non tardò a manifestarsi nuovamente: Napoleone premeva affinché il potere temporale della Chiesa venisse ridimensionato, mentre la nobildonna, la cui mentalità non poteva accettare uno stato laico, si raccoglieva in preghiera, impetrando la conversione del consorte. Numerosi sono i destinatari della sua corrispondenza cui chiedeva di fare altrettanto, mostrandosi preoccupata per l’anima del Bonaparte. Il 18 luglio 1862 nacque il primogenito della coppia, Vittorio Napoleone, battezzato privatamente e senza cerimonia ufficiale. La madre volle occuparsi personalmente del bambino, che dovette abbandonare per un breve periodo nel mese di ottobre. Il matrimonio della sorella Maria Pia con il re portoghese Luigi la richiamò infatti a Torino, dove dai tempi delle nozze non era più tornata. Per la prima volta rivide così il padre, i fratelli e i luoghi dell’infanzia. Dopo la festa, Clotilde si imbarcò con il marito alla volta dell’Egitto, dove si concedette una breve crociera. La donna sperava che il viaggio la potesse portare in Terra Santa, ma il suo desiderio non si realizzò. Caduto il Secondo Impero, nel settembre del 1870, Clotilde decise di rimanere nella città in rivolta, malgrado le insistenze del padre perché rientrasse in patria. Fuggiti tutti i Bonaparte (l’imperatrice Eugenia lasciò la capitale travestita e fuggì in Inghilterra) e proclamata la repubblica, Clotilde di Savoia lasciò per ultima, sola, il 5 settembre in pieno giorno, Parigi, con la sua carrozza scoperta e le sue insegne. La guardia repubblicana le rese gli onori. Profondamente religiosa, subì i comportamenti libertini e la vita dissipata del marito, che in seguito l’abbandonò, lasciandola in ristrettezze economiche. Il 10 luglio 1942 ebbe inizio la sua causa di beatificazione. Fu detta “la santa di Moncalieri”, dal nome del castello dove s’era ritirata. Fu sepolta nella basilica di Superga, insieme agli altri prìncipi e duchi di Savoia. Nella chiesa di Santa Maria a Moncalieri le fu innalzato un monumento, opera di Pietro Canonica, che la rappresenta inginocchiata in estasi mistica. Il 10 luglio 1942 fu introdotta la causa di beatificazione di Maria Clotilde da parte di Papa Pio XII, il quale dichiarò la principessa Serva di Dio e la causa di beatificazione della principessa è ancora aperta. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1860 ca.

Onorificenze

Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Dama di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
   
Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria    Dama Nobile dell’Ordine della regina Maria Luisa
   
Dama dell'Ordine della Croce Stellata - nastrino per uniforme ordinaria    Dama dell’Ordine della Croce Stellata
   

img496

Arc. 972: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri e il marito Principe Napoleone Giuseppe Girolamo Bonaparte. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1860 ca.

img497

Arc. 1017: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1862 ca.

img500

Arc. 1600: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1862 ca.

img499

Arc. 1807: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri e il primogenito Vittorio nato nel 1862. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1863 ca.

img501

Arc. 1501: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1862 ca.

img495

Arc. 626: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1865 ca.

img502

Arc. 1682: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: C.D. Fredericks – New York. 1865 ca.

img498

Arc. 1017: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia Contessa di Moncalieri. Fotografia CDV. Fotografo: C. D. Fredericks – New York. 1865 ca.

img504

Arc. 1203: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1865 ca.

img503

Arc. 1682: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1865 ca.

img505

Arc. 2420: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1866 ca.

img506

Arc. 576: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia con i figli Luigi e Letizia. Fotografia CDV. Fotografo: Frank – Paris. 1866 ca.

img508

Arc. 1878: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia con i figli Vittorio, Luigi e Letizia. Fotografia CDV. Fotografo: Le Jeune – Paris. 1868 ca.

img509

Arc. 1215: S.A.R. Principessa Maria Clotilde di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Frank – Paris. 1868 ca.

 

VITTORIO BONAPARTE

img510

Arc. 1321: Napoleone Vittorio Bonaparte, nome completo Napoleone Vittorio Gerolamo Federico Bonaparte (Parigi, 18 luglio 1862 – Bruxelles, 3 maggio 1926). Napoleone Vittorio divenne, alla morte del padre avvenuta nel 1891, capo del casato dei Bonaparte, nonostante il fatto che il fratello minore, il principe Luigi Napoleone (1864 – 1932), colonnello presso la Guardia imperiale russa, fosse preferito come Capo della Famiglia, da numerosi bonapartisti. Già Napoleone Eugenio Luigi, morto nel 1879, aveva nominato Vittorio suo successore escludendo il principe Giuseppe, padre di Vittorio e ovviamente precedente nella linea di successione. Per questo motivo Vittorio e il padre entrarono in lite, troncando ogni legame tra loro. Quando nel 1886 la Repubblica francese esiliò tutti i principi della dinastia Bonaparte, Vittorio lasciò la Francia e si stabilì in Belgio. La Francia si trovava, all’indomani della Guerra Franco-Prussiana conclusasi nel 1871, con una situazione interna molto instabile, a causa dei contrasti tra repubblicani e monarchici. La minaccia di un colpo di Stato era incombente. Quando morì improvvisamente il presidente della Repubblica francese Félix Faure, nel 1899, in concomitanza con il famoso Affare Dreyfus, si toccò l’apice dell’instabilità. In questo clima ci fu un buon numero di fazioni politiche che tentarono di avvantaggiarsi dei disordini e il principe Vittorio annunciò, a una delegazione inviatagli dagli Imperialisti, che avrebbe tentato, se il momento favorevole si fosse presentato, di ripristinare l’Impero. Avendo questo obiettivo dichiarò anche di volersi mettere a capo del movimento con il fratello minore, il principe Luigi, il quale avrebbe portato alle forze bonapartiste i suoi talenti militari conseguiti al servizio dell’Armata russa. Pure il duca di Orléans, Luigi Filippo Roberto d’Orléans, pretendente anch’egli al trono di Francia, disse di avere delle forze pronte ad attraversare il confine francese per unirsi a quelle bonapartiste. Ma alla fine il colpo di Stato non ebbe luogo e la Terza Repubblica sopravvisse a questa, che fu considerata la sua più grave crisi. Il 14 novembre del 1910 Vittorio sposò, in Italia, a Moncalieri la principessa Clementina del Belgio (1872 – 1955), figlia cadetta del re dei belgi Leopoldo II (1835 – 1909) e della regina Maria Enrichetta d’Asburgo-Lorena (1836 – 1902). Nonostante il fatto che Napoleone Vittorio e Clementina fossero molto innamorati, per potersi sposare dovettero attendere la morte del padre di lei. Il dispotico e intollerante Leopoldo II fu infatti molto contrariato dalle scelte matrimoniali delle figlie. Le due maggiori Luisa Maria e Stefania furono diseredate entrambe per avere fatto scelte a lui non gradite. Nel caso di Clementina invece l’opzione non venne approvata per non danneggiare i rapporti politici tra il Belgio e la Francia. Fotografia formato gabinetto 10,8 x 16,5. Fotografo: Montabone – Torino. 1877 ca.

img511

Arc. 1731: Principe Napoleone Vittorio Bonaparte. Fotografia CDV. Fotografo: E. Tourtin – Paris. 1882 ca.

 

NAPOLEONE LUIGI GIUSEPPE GIROLAMO BONAPARTE

 

img141

Arc. 3081: Principe Napoleone Luigi Giuseppe Girolamo Bonaparte (1864 – 1932). Secondo figlio del principe Napoleone Giuseppe Carlo Bonaparte, detto Gerolamo e della principessa Maria Clotilde di Savoia. Fu principe e generale russo. 

 

MARIA PIA DI SAVOIA

img493

Arc. 537: Principessa Maria Pia di Savoia (Torino, 16 ottobre 1847 – Stupinigi, 5 luglio 1911). Sposò a Lisbona il 6 ottobre 1862 Luigi del Portogallo, da cui ebbe due figli: Carlo e Alfonso Carlo. In occasione delle sue nozze, il padre Vittorio Emanuele II emanò un’amnistia che condonò la pena al generale Giuseppe Garibaldi, incarcerato nella fortezza di Varignano a seguito della giornata d’Aspromonte. Fu una donna dal carattere bizzarro, ma di grande coraggio: durante una passeggiata vide due ragazzini che stavano per affogare nel Tago; senza indugio si gettò in acqua e li trasse a riva. In occasione di un incendio nel teatro dell’opera di Oporto si gettò fra le fiamme, sfidando la morte per trarre in salvo delle persone. Poiché gli abitanti volevano che fosse insignita di un’onorificenza, rifiutò rispondendo che il suo gesto era stato il suo ringraziamento per l’ospitalità che la città di Oporto aveva offerto a suo nonno Carlo Alberto. Dopo l’assassinio del figlio e del nipote il 1º febbraio 1908, cominciò a dar segni di demenza, male che si aggravò dopo la proclamazione della Repubblica, il 5 ottobre 1910. Seguì il resto della famiglia in esilio, tornando nella sua terra natale, in Piemonte, dove morì l’anno seguente. Fu sepolta a Torino nel Pantheon reale dei Savoia nella basilica di Superga. È l’unica regina di Portogallo a non esser sepolta nel Pantheon reale dei Braganza. Da ultimo le autorità portoghesi ne hanno chiesto la traslazione in Portogallo. A Oporto le fu dedicato il Ponte Maria Pia. Ad Alghero nel 1934 fu inaugurata un’azienda agricola in suo onore; mantenendone il nome, Maria Pia, oggi vi sorge la principale zona sportiva della città sarda. A Taranto è stata eretto un istituto superiore in onore della principessa.  Attraversando il comune di Rocca Valleoscura, proveniente da Sulmona (dove soggiornò il 20 ottobre nella villa di don Raffaele Orsini presso l’abbadia dei Celestini) mentre si recava incontro a Garibaldi a Teano, il re Vittorio Emanuele II accolse la preghiera della municipalità e decise di chiamare il paese Rocca Pia, per l’affetto che nutriva per la sua amata figlia Maria Pia. La proposta fu portata in Consiglio Comunale (decurionato) solo il 4 giugno 1863 e autorizzata con Decreto Regio del 10 dicembre 1865. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 1862 ca.

Onorificenze

Onorificenze sabaude

Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Dama di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
   

Onorificenze portoghesi

Gran Maestro dell'Ordine di Santa Isabella - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine di Santa Isabella
   
Dama di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria    Dama di Gran Croce dell’Ordine dell’Immacolata Concezione di Vila Viçosa
   

Onorificenze straniere

Dama dell'Ordine della Croce Stellata (Impero austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria    Dama dell’Ordine della Croce Stellata (Impero austriaco)
   
Dama dell'Ordine di Teresa di Baviera (Regno di Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria    Dama dell’Ordine di Teresa di Baviera (Regno di Baviera)
   
Dama di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di San Carlo (Secondo Impero Messicano) - nastrino per uniforme ordinaria    Dama di Gran Croce dell’Ordine Imperiale di San Carlo (Secondo Impero Messicano)
   
Dama d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria    Dama d’Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta (SMOM)
   
Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Dama Nobile dell’Ordine della regina Maria Luisa (Spagna)
   
Rosa d'oro (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria    Rosa d’oro (Santa Sede)
     «Nel giorno del suo battesimo dal padrino, papa Pio IX.»
   1849

img512

Arc. 990: Principessa Maria Pia di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

Arc. 381: Principessa Maria Pia di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino. 

img513

Arc. 2420: Principessa Maria Pia di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz Torino. 1865 ca.

img514

Arc. 2302: Principessa Maria Pia di Savoia. Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino. 1865 ca.

img515

Arc. 563: S.A.R. Maria Pia di Savoia Regina Consorte di Portogallo e Algarve. Fotografia CDV. Fotografo: Disdèri – Paris. 1875 ca.

img516

Arc. 2419: S.A.R. Maria pia di Savoia, il marito Re Luigi I del Portogallo, il figlio Carlo, la sorella Principessa Maria Clotilde con il figlio Vittorio. Fotografia CDV. Fotografo: C. Bernieri – Torino. 1867 ca.

Arc. 1157: Principessa Maria Pia di Savoia con i gentiluomini e le dame della sua casa. Seduta accanto a lei la marchesa Carolina Pes di Villamarina sua governante. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di Chanaz – Torino.

img517

Arc. 2419: Carlo di Braganza (Lisbona, 28 settembre 1863 – Lisbona, 1º febbraio 1908). Ebbe una solida educazione per essere preparato ad essere un giorno un ottimo monarca costituzionale. Viaggiò dal 1883 in Italia, Inghilterra, Francia e Germania, avendo così modo di incrementare le proprie conoscenze sulla civilizzazione del mondo del suo tempo. Nel 1883, 1886 e 1888 fu reggente per conto del padre che si trovava in viaggio all’estero. Carlo divenne re il 19 ottobre 1889 alla morte del padre. La sua incoronazione ebbe luogo il 28 dicembre 1889 con la partecipazione tra gli altri di Pietro II, deposto imperatore del Brasile, in esilio dal 6 di quello stesso mese. Carlo nella sua epoca era un uomo considerato intelligente, ma estremamente capriccioso e volubile e per questo il suo regno fu caratterizzato da crisi politiche costanti e conseguente insoddisfazione. Proprio all’inizio del suo governo il Regno Unito presentò al Portogallo l’ultimatum britannico del 1890 che intimidì la politica espansionistica coloniale del Portogallo, minacciando di dichiarare guerra tra i due stati se non fossero stati liberati i confini tra Angola e Mozambico in breve tempo. I suoi rapporti col Regno Unito migliorarono proprio con la sigla di quel trattato che definì i confini tra lo Zambesi e il Congo, stabilizzando così la situazione in Africa, sebbene questi contratti non fossero visti positivamente in Portogallo in quanto erano ritenuti svantaggiosi per il bene dello Stato. Come conseguenza già dal 1891 scoppiò una rivolta guidata dai repubblicani che però venne ben presto risolta.Nonostante la grave crisi che Carlo dovette affrontare all’inizio del suo regno con l’Inghilterra, il re seppe invertire la situazione e, grazie alle sue eccezionali doti diplomatiche, mise il Portogallo al centro della diplomazia europea del primo decennio del XX secolo, fatto al quale indubbiamente contribuirono le sue ramificate parentele. Più volte colse l’occasione per spostarsi all’estero, rappresentando personalmente il Portogallo al funerale della regina Vittoria nel 1901. Una prova del successo del suo lavoro fu indubbiamente la prima visita all’estero che compì il nuovo sovrano del regno unito, Edoardo VII, che fu proprio in Portogallo, dove fu ricevuto con tutta la pompa della circostanza nel 1903. Negli anni seguenti, Carlo ricevette a Lisbona le visite di Alfonso XIII, il giovane monarca spagnolo, della regina Alessandra (moglie di Edoardo VII), di Guglielmo II di Germania e, nel 1905, del presidente della Repubblica Francese, Émile Loubet. Tutte queste visite diedero un po’ di colore alla corte di Lisbona, ma la visita del presidente francese colse l’occasione per far manifestare ancora una volta i repubblicani locali. Carlo e Amelia contraccambiarono queste visite in Spagna, Francia ed Inghilterra, mentre gli fu impossibile raggiungere il Brasile nel 1908 come aveva programmato per celebrare il primo centenario dell’apertura dei porti brasiliani a causa della sua tragica morte. All’inizio del 1908 Carlo I si era recato come ogni anno al Palazzo di Vila Viçosa, una delle residenze più antiche della famiglia e la preferita di Carlo I. Qui Carlo I aveva riunito i suoi amici più cari e con loro era andato a caccia per tutto il periodo. Fu in questo periodo che si tenne il primo tentativo di attentato ai danni del re che portò all’arresto di António José de Almeida, di Luce Almeida, dei giornalisti João Chagas, Franco Borges, João Pinto dos Santos e Alvaro Poppe, del visconte di Ribeira Brava, del dottor Egas Moniz e di altri. Franco reagì con durezza a questo tentativo e preparò la deportazione nelle colonie o l’esilio all’estero per i congiurati. Il re ricevette la documentazione quando ancora era a Vila Viçosa e si dice che firmandola abbia detto “Sto firmando la mia condanna a morte, ma lo avete tanto desiderato…”. Il 1º febbraio 1908 la famiglia reale stava facendo ritorno dal palazzo di Vila Viçosa a Lisbona. Viaggiando in treno da Barreiro, essa dovette attraversare il Tago in barca e per farlo dovette scendere dal piazzale della stazione, salire in carrozza e recarsi al porto. Mentre stavano compiendo questo tragitto, due attivisti repubblicani, Alfredo Costa e Manuel Buiça, spararono alla famiglia reale, colpendo a morte Carlo I che rimase ucciso sul colpo e suo figlio, il principe ereditario Luigi Filippo, che morì poco dopo, oltre a ferire al braccio l’infante Manuel, mentre la regina rimase miracolosamente illesa. Gli assassini vennero uccisi sul posto dai membri della guardia reale e solo in seguito vennero riconosciuti come membri del movimento repubblicano. La morte del re Carlo I e del principe ereditario del Portogallo, provocarono l’indignazione di tutta l’Europa, soprattutto dell’Inghilterra dove il re Edoardo VII deplorò fortemente l’impunità dei responsabili dell’attentato. Questa impunità fu dovuta alla caduta di João Franco che venne accusato di non aver correttamente vigilato sul sovrano ma che in realtà aveva perso il proprio appoggio al governo: si era tornati a ciò che il defunto re aveva predetto nella sua lettera al principe di Monaco, ovvero ai partiti tradizionali. Il trono, sette giorni più tardi, fu affidato al figlio secondogenito della coppia, Emanuele (Manuel), che fu l’ultimo re del Portogallo prima della proclamazione della repubblica nel 1910. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1870 ca.

Onorificenze

Onorificenze portoghesi

Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria    Fascia dei tre ordini
   
Gran Maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine del Cristo
   
Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine della Torre e della Spada
   
Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine di San Giacomo della Spada
   
Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine Militare di San Benedetto d’Avis
   
Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Maestro dell’Ordine dell’Immacolata Concezione di Vila Viçosa
   

Onorificenze straniere

Gran Croce e Collare dell'Ordine di Carol I - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Croce e Collare dell’Ordine di Carol I
     1906
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro
   
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine della Giarrettiera
   
Royal Victorian Chain - nastrino per uniforme ordinaria    Royal Victorian Chain
   
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Reale Vittoriano
   
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata
     1873
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     1873
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Corona d’Italia
     1873
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
   
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Serafini
     23 maggio 1873
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dell’Elefante
     7 ottobre 1883

 

ODDONE DI SAVOIA

 

 

img518

Arc. 386: Oddone Eugenio Maria di Savoia duca di Monferrato (Racconigi, 11 luglio 1846 – Genova, 22 gennaio 1866). Figlio di Vittorio Emanuele II. Nato con una grave malattia genetica, dall’età di due anni ne mostrò i sintomi gravemente invalidanti (nanismo e deformità nello sviluppo); venne perciò posto ai margini dalla vita di corte di casa Savoia per le precarie condizioni di salute. Dotato di intelligenza non comune, intraprendenza e vivacità intellettuale, si dedicò quindi allo studio, interessandosi nella sua breve esistenza a varie materie, scientifiche e artistiche. Trascorse l’estate 1861 a Pegli (allora comune autonomo poco distante da Genova), dove elesse a sua dimora Villa Lomellini Rostan; oltre che per il clima mite, che giovava alle sue precarie condizioni fisiche, la scelta fu dettata dalla grande passione per il mare, nata in lui già negli anni della primissima infanzia, quando la famiglia reale trascorreva periodi di vacanza a Spezia. Breve fu il ritorno a corte nell’autunno, dato che ben presto, notato l’effetto positivo che il periodo trascorso in riviera aveva portato sia al fisico che allo spirito, gli fu accordato dal padre il permesso di trasferirsi definitivamente a Genova, prendendo dimora a Palazzo Reale. Il periodo genovese fu caratterizzato da un lieto e profondo studio delle discipline tecniche e artistiche: dalla geografia alla musica, dalle lingue alla nautica (per questo suo interesse fu aggregato per volere del padre alla Regia Marina e nominato capitano di vascello). Protettore e promotore delle arti e delle opere dell’intelletto, istituì quattro premi annuali per gli studenti dell’Accademia ligustica di belle arti, di cui fu acclamato presidente ad honorem, così come della Società Ligure di Storia Patria. La sua casa, ricca di una biblioteca di oltre mille volumi, divenne presto luogo di convegno e dibattito culturale per le più illustri personalità cittadine dell’arte e della scienza: autorità civili e militari, docenti universitari, accademici, artisti, fra cui lo scultore Santo Varni, che gli fu consigliere e amico, Tammar Luxoro e Domenico Pasquale Cambiaso. Il 5 giugno 1862 partì con i fratelli alla volta dell’Oriente per un viaggio d’istruzione a bordo della pirofregata Governolo: visitò Cagliari, Palermo, Catania, Messina, Napoli, Pompei, sino a giungere il 16 agosto a Costantinopoli, dove il viaggio si concluse. I reali viaggiatori fecero ritorno a Genova il 15 settembre. Il viaggio influenzò profondamente lo spirito del giovane Oddone, accendendone l’interesse per le antichità e l’arte classica e consentendogli di dare inizio a una ricca collezione di oggetti d’arte. Nell’estate 1863 poté compiere un nuovo viaggio in Sardegna e a Napoli, dove si interessò all’archeologia, finanziando scavi diretti dall’illustre archeologo Giuseppe Fiorelli. Tornato a Genova, si dedicò allo studio della storia naturale sotto la direzione di Michele Lessona, in particolare alla malacologia, mettendo insieme una ricca collezione di conchiglie, alghe e colibrì (collezione oggi esposta al Museo di storia naturale Giacomo Doria). Nell’estate 1864 i medici non gli consentirono di intraprendere un nuovo viaggio, ma consigliarono piuttosto i bagni di mare, per cui il giovane Oddone andò ospite del marchese Ala Ponzone nell’elegante Villa Durazzo Bombrini, nella cittadina rivierasca di Cornigliano (oggi quartiere della periferia occidentale di Genova). Ritornatovi l’anno successivo, Oddone concepì l’idea di eleggerla a propria dimora definitiva, centro delle sue collezioni e dei suoi studi, e grazie all’intercessione del padrino, il principe Eugenio di Carignano, Vittorio Emanuele acconsentì all’acquisto. Morì a neppure vent’anni al Palazzo Reale di Genova, nella notte tra il 21 e il 22 gennaio 1866. Lasciò in testamento alla città un patrimonio rilevante di vasi greci, bronzi, ceramiche, vetri e gemme romane, oggi custodito al Museo di archeologia ligure. Altri pezzi sono custoditi alla Galleria d’Arte Moderna di Genova a lui intitolata. La città di Genova gli aveva intitolato un tratto dell’appena realizzata prestigiosa circonvallazione a mare (precisamente tra piazza Cavour e corso Aurelio Saffi). Nel 1944 il governo repubblichino fascista, deciso a punire i Savoia dopo l’8 settembre cancellando anche la toponomastica ad essi dedicata, cambiò il nome della strada, scegliendo al posto di Oddone il mazziniano Maurizio Quadrio; la nuova denominazione è rimasta immutata fino a oggi. La città di Torino gli ha intitolato un importante corso di collegamento tra piazza Statuto e piazza Baldissera, al confine del quartiere San Donato. Fotografia CDV. Fotografo: Boglioni – Torino. 1865 ca.

img519

Arc. 1207:  S.A.R. Oddone Eugenio Maria di Savoia Duca del Monferrato. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img520

Arc. 1953: S.A.R. Oddone Eugenio Maria di Savoia Duca del Monferrato. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1865 ca.

img521

Arc. 2724: S.A.R. Oddone Eugenio Maria di Savoia Duca del Monferrato. Fotografia CDV. Fotografo: C. Molino – Genova. 1865 ca.

img061

Arc. 1040: S.A.R. Oddone Eugenio Maria di Savoia Duca del Monferrato e la sua casa militare. Fotografia CDV. Fotografo: C. Molino – Genova. 1865 ca. Da sinistra:

Di Negro Orazio in gran montura da Viceammiraglio (Genova, 10 febbraio 1809 – Genova, 2 novembre 1872). Iniziò a frequentare giovanissimo, nel 1820, la Scuola di Marina di Genova da cui uscì con il grado di guardiamarina di 2ª classe nel 1824. Nel 1825 partecipò alla spedizione contro Tripoli imbarcato sulla fregata a vela Commercio di Genova. Salì rapidamente di grado, Sottotenente di Vascello nel 1830, Luogotenente di Vascello di seconda classe nel 1835, di prima classe nel 1837, primo Luogotenente di Vascello nel 1839, e Capitano di Vascello di seconda nel 1842. Mentre si trovava imbarcato a bordo del brigantino Staffetta il 12 dicembre 1846 fu insignito della Medaglia d’Argento al Valor Militare per aver contribuito al salvataggio dell’equipaggio del un brigantino greco Alessandro naufragato a causa di un fortunale nel porto di Genova. Comandante della pirocorvetta Tripoli durante il corso della prima guerra d’indipendenza italiana si segnalò durante la spedizione della piccola squadra sarda nell’Adriatico (1848-49), in particolare nelle operazioni nel porto di Pirano, dove riuscì a liberare una imbarcazione veneta catturata dagli Austriaci sotto il fuoco delle batterie nemiche, e per la quale fu insignito della seconda Medaglia d’Argento al Valor Militare. Promosso capitano di fregata nel corso del 1848, divenne capitano di vascello di seconda classe l’anno successivo e di prima classe nel 1852, assumendo il comando della flotta sarda in navigazione nel Mediterraneo. Nel 1855-1856, con il grado di Capitano di Vascello ed ebbe il comando della flotta sarda, composta dalle fregate a elica Carlo Alberto e Euridice e dalla fregata a ruote Governolo (nave ammiraglia) che prese parte alla spedizione di Crimea. Con le sue navi trasportò il corpo di spedizione piemontese, al comando di Alessandro Ferrero della Marmora, che salpò da Genova il 28 aprile 1855 e giunse la rada di Balaklava il 28 maggio. Alzata la sua insegna sulla “Carlo Alberto”, ottenne di partecipare con le proprie navi, schierata con quelle alleate, che dovevano attaccare Sebastopoli dal mare, ma tale operazione non fu mai attuata. Nel corso di questa missione in Oriente conseguì la fama di ottimo manovratore, e al termine delle operazioni fu insignito della Croce di Commendatore dell’Ordine Militare di Savoia. Promosso Contrammiraglio nel 1859, entrò a far parte del Congresso permanente della marina militare, e poi divenne direttore dell’arsenale marittimo di Genova. Promosso viceammiraglio il 18 aprile 1860, nel giugno dello stesso anno il primo ministro Camillo Benso, conte di Cavour, per mezzo del Viceammiraglio Francesco Serra, gli ordinò di salpare con le sue navi e “dare armi ed attrezzi per aiutare in Sicilia”. Al termine della spedizione piemontese in Italia centrale, mentre ancora il comandante della flotta sarda Carlo Pellion di Persano si trovava impegnato nell’assedio di Gaeta, emerse il difficile problema della fusione tra la ex marina del Regno delle Due Sicilie e quella del Regno di Sardegna. Cavour decise di affidargli il comando del nuovo Dipartimento navale di Napoli affinché operasse con energia il riordinamento militare. Tale decisione trovò l’avversione di Persano, che diede un giudizio negativo sulla persona del Di Negro, e avverti Cavour che Giuseppe Garibaldi non sarebbe mai andato d’accordo con lui ma il Primo ministro restò della sua convinzione. Raggiunta Napoli nei primi giorni del mese di dicembre, iniziò subito a lavorare prendendo dure decisioni. I quadri degli ufficiali erano stati enormemente dilatati in seguito alle promozioni concesse da Garibaldi, di accordo con Persano, e andavano drasticamente ridimensionati, bisognava anche tagliare le spese dell’arsenale, dove i provvedimenti assunti a favore delle maestranze nel corso della dittatura garibaldina comportavano un onere fortissimo per lo Stato. Inoltre si doveva riorganizzare ed aumentare le forze navali tramite una leva di marinai, la messa in armamento di tutte le imbarcazioni disponibili, e l’avvio di nuove costruzioni navali. Nell’aprile 1861, stanco delle opposizioni che incontrava nello svolgimento dell’incarico, si dimise, e chiese ed ottenne il collocamento a riposo, ritirandosi a vita privata nella sua città natale. Il 20 novembre dello stesso anno ricevette la nomina a Senatore del Regno d’Italia e il rango di Viceammiraglio. Prestò giuramento il 3 dicembre, ma non fu mai molto presente in Senato a causa delle sue condizioni di salute. Nel 1863, tuttavia, fu chiamato a reggere il Ministero della Marina del Regno d’Italia durante i governi Farini e Minghetti I. A causa del peggioramento delle sue condizioni di salute si dimise dopo tre mesi. Si spense a Genova il 2 novembre 1872.

Onorificenze

Onorificenze italiane

Commendatore dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine militare di Savoia
     12 giugno 1856
Medaglia d'argento al valor militare (2 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’argento al valor militare 
   
Medaglia d'argento al valor militare (2 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’argento al valor militare 
   
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (1 barretta) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza (1 barretta)
   
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
   

Onorificenze straniere

Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine della Legion d’onore (Francia)
   
Commendatore dell'Ordine di San Gregorio Magno (Stato Pontificio) - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine di San Gregorio Magno (Stato Pontificio)
   
Compagno dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria    Compagno dell’Ordine del Bagno (Regno Unito)
   
Medaglia britannica della Guerra di Crimea (Gran Bretagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia britannica della Guerra di Crimea (Gran Bretagna)
   
Cavaliere di IV classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di IV classe dell’Ordine di Sant’Anna (Impero di Russia)
   
Cavaliere di V classe dell'Ordine di Medjidié (Impero Ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di V classe dell’Ordine di Medjidié (Impero Ottomano)
   
Cavaliere di II classe dell'Ordine di Nichan Iftikar (Impero Ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di II classe dell’Ordine di Nichan Iftikar (Impero Ottomano)
   
Croce d'argento dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria    Croce d’argento dell’Ordine del Salvatore (Grecia)
   

Alziary di Malaussena Gustavo in gran montura da Luogotenente di Vascello Ufficiale d’Ordinanza di S.A.R. Oddone di Savoia (Nizza, 1833 – al largo dell’Isola di Lissa, 20 luglio 1866). Figlio del conte Clemente Rossi Tonduti di Peglione, entrò giovanissimo nella Real Scuola di Marina in Genova e ne uscì Guardiamarina nel 1850. Tenente di Vascello nel 1859, partecipò alla campagna dei franco-sardi nell’Adriatico. Nel 1860 per il coraggio dimostrato al bombardamento della città di Ancona, si guadagnò la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Fu prescelto dal re Vittorio Emanuele II per la carica di Ufficiale di Ordinanza del giovane Oddone di Savoia. Allo scoppio della guerra del 1866, il Malaussena venne promosso Capitano di Fregata e nominato comandante in seconda della nave ammiraglia Re d’Italia. Nella tragica giornata di Lissa successe al comando al Faà di Bruno qualche istante prima che la nave affondasse, restando immobile sul ponte, morì vittima del dovere. A guerra finita gli fu concessa una seconda Medaglia d’Argento al Valore ed in suo onore venne imposto il nome di Malaussena a una piccola nave della Regia Marina.

Onorificenze

Medaglia d'argento al valor militare (2 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’argento al valor militare 
     Assedio di Ancona 1860
Medaglia d'argento al valor militare (2 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’argento al valor militare 
     Battaglia di Lissa 1866
Medaglia piemontese della Guerra di Crimea - nastrino per uniforme ordinaria   Medaglia piemontese della Guerra di Crimea
   
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine della Legion d’onore
      1859
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

Monsignor Anzino Bartolomeo Giuseppe cappellano della Casa di S.A.R. Oddone di Savoia.

 

Sivori Alessandro in gran montura da Capitano di Fregata

 

Frigerio Gian Galeazzo in gran montura da Luogotenente di Vascello (Milano, 20 aprile 1841 – Roma, 7 aprile 1911). Ammesso alla Scuola di Marina di Genova nel 1853, fu nominato Guardiamarina nel 1856. Sottotenente di Vascello nel 1860, prese parte alla campagna del 1860 – 1861 imbarcato sulla pirofregata Carlo Alberto, meritando una prima Medaglia d’Argento per il comportamento tenuto nei fatti d’arme di Ancona e una seconda per essersi distinto nell’assedio di Gaeta. Partecipò alla campagna navale in Adriatico del 1866 contro l’Austria imbarcato sull’ariete torpediniere Affondatore; da Capitano  di Fregata ebbe il comando della pirofregata Maria Adelaide (1874 – 1876) e dell’avviso Staffetta (1877 – 1879), con il quale effettuò la campagna nell’America Meridionale. Nel 1880 in comando della corvetta a ruote Ettore Fieramosca fu inviato in Mar Rosso ad Assab, dove era in corso l’acquisizione della località; l’anno seguente assegnò alla spedizione geografica-diplomatica di Giuseppe Maria Giulietti diretta alla regione del Tigrè, una scorta di dieci marinai al comando del Sottotenente di Vascello Giuseppe Biglieri, che il 25 maggio 1881 fu trucidata a Beilul in un’imboscata tesa da armati del locale sultano. Da Capitano di Vascello comandò le corazzate Dandolo e Roma e prese parte alla campagna d’Africa del 1884-1885 in comando delle pirofregate Venezia e San Martino. Promosso Contrammiraglio nel 1889, fu Direttore generale del personale e del servizio militare. Viceammiraglio nel 1895, ebbe l’incarico di comandante in capo, in successione dei Dipartimenti militari marittimi di Taranto, di Venezia e di Spezia. Il 2 aprile 1900 fu nominato Capo di Stato Maggiore della Marina, carica che tenne fino al 30 giugno 1902, quando riassunse il comando del Dipartimento di Spezia e poi di quello di Venezia. Tra le sue cariche da ricordare quella di Ufficiale d’Ordinanza di S.A.R. Oddone di Savoia duca di Monferrato (1862 – 1866) e quella di Aiutante Generale del Re Umberto I (1892 – 1896). Nel 1904 fu nominato Senatore del regno e nel 1906 venne collocato nella Riserva navale.

Onorificenze

Italiane

Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro
   
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Ufficiale dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro
   
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro
   
Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro decorato di Gran Cordone - nastrino per uniforme ordinaria    Grande Ufficiale dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro decorato di Gran Cordone
   
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Ufficiale dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia decorato di Gran Cordone - nastrino per uniforme ordinaria    Grande Ufficiale dell’Ordine della Corona d’Italia decorato di Gran Cordone
   

Straniere

Commendatore dell'Ordine reale di Alberto di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine reale di Alberto di Sassonia
   
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito di San Michele (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria    Grande Ufficiale dell’Ordine al merito di San Michele (Baviera)
   

Militari

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’argento al valor militare
   
Medaglia commemorativa delle campagne d'Africa - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne d’Africa
   
Croce d'oro per anzianità di servizio - nastrino per uniforme ordinaria    Croce d’oro per anzianità di servizio
   
Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri
   
Médaille commémorative de la campagne d'Italie - nastrino per uniforme ordinaria    Médaille commémorative de la campagne d’Italie
   
Medaglia commemorativa delle campagne delle guerre d'indipendenza - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle guerre d’indipendenza
   
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa dell’Unità d’Italia
   

 

img523

Arc. 1041: S.A.R. Oddone Eugenio Maria di Savoia Duca del Monferrato e la sua casa militare. Fotografia CDV. Fotografo: C. Molino – Genova. 1865 ca.

 

PRINCIPE EUGENIO DI SAVOIA – CARIGNANO

 

 

img524

Arc. 385: Eugenio Emanuele Giuseppe Maria Paolo Francesco Antonio di Savoia-Villafranca-Soissons (Parigi, 14 aprile 1816 – Torino, 15 dicembre 1888). Figlio di Giuseppe Maria e di Pauline de Quelen de Vauguyon, era cugino di Carlo Alberto di Savoia, il quale a posteriori rese legittime le nozze morganatiche dei suoi genitori. Dopo essere stato allievo nella Regia Scuola Militare di Marina di Genova incominciò la proprio carriera nella neonata marina sabauda divenendo, dopo alcuni anni di crociere, nel luglio 1834 luogotenente di vascello, il 17 maggio 1834 passò nell’Esercito come capitano nel Reggimento «Novara Cavalleria». Con gli anni scalò i gradi di ambedue le armi: Colonnello nel 1836 a capo del Reggimento «Piemonte Reale Cavalleria», Capitano di vascello l’anno successivo, Maggiore Generale di cavalleria nel 1841 e Contrammiraglio nel 1842. Nel 1844 divenne luogotenente generale e comandante generale della Marina sarda, a capo della quale rimase fino al 1851, congedandosi con il grado onorario di Ammiraglio. Fu insignito del titolo di principe di Savoia-Carignano con decreto reale del 22 aprile 1834. Nel febbraio 1842 su mediazione dell’ambasciatore sardo a Vienna, Vittorio Balbo Bertone conte di Sambuy, per interessamento del principe di Metternich, il principe Eugenio, con l’assenso del re Carlo Alberto, tratta con emissari dell’Impero del Brasile, il matrimonio con la principessa ereditaria Gennara di Braganza; impossibilitati a trovare un accordo per divergenze su alcune clausole prematrimoniali il tentativo non va a buon fine. Il mancato matrimonio vedrà il forte disappunto del principe di Metternich, che temeva, da politico, che eventuali nozze della principessa con altri pretendenti potesse generare un’alleanza con qualche principe germanico o con qualche figlio dell’Infante Don Francisco da Paola di Spagna, a tutto discapito dell’Austria. Nel 1843 stringe un forte legame sentimentale con Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, sorella maggiore di Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena; nel settembre dello stesso anno re Carlo Alberto, approvando la scelta, chiede ufficialmente la mano della ragazza all’Imperatore d’Austria. Il principe Eugenio in vista delle nozze incomincia a predisporre le dimore, ottenendo in appannaggio Palazzo Carignano e la villa di campagna Vigna della Regina; su quest’ultima residenza, in pessime condizioni, che obbligherebbero a un dispendioso restauro, incomincia una trattativa con re Carlo Alberto, per avere in cambio la villa di Stupinigi. A inizio dicembre il conte di Sambuy consegna al principe Cancelliere d’Austria il progetto di contratto di matrimonio; le condizioni di salute della principessa Maria Carolina si fanno tuttavia sempre più serie e a gennaio del 1844 muore. La perdita della futura sposa getta nel più totale sconforto il principe Eugenio, che da allora non vorrà più unirsi con nessun’altra principessa, rifiutando ogni proposta che gli sarà fatta anche di fronte al giustificato motivo di risolvere un qualche problema politico. Per i suoi stretti legami con la Casa Reale fu il parente designato dai sovrani come Luogotenente Generale del Regno quando questi proclamarono la guerra e andarono al fronte: nel marzo 1848 alla proclamazione della prima guerra di indipendenza con Carlo Alberto, nel 1849, nel 1859 e nel 1866, con Vittorio Emanuele II di Savoia. Ebbe uguale compito nel 1860 e 1861 durante la transizione dell’ex Granducato di Toscana e del Regno delle Due Sicilie verso il neo-costituito Regno d’Italia. Prese parte all’assedio di Gaeta contro Francesco II delle Due Sicilie, dove si meritò la medaglia d’oro al valore militare con regio decreto 13 aprile 1861 “per essersi distinto quale luogotenente generale di S. M. il Re nelle province meridionali, Gaeta 1861.” Fu il primo presidente del Consorzio nazionale per l’ammortamento del debito pubblico, costituito nel 1866. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata
   
Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
   
Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine militare di Savoia
     26 ottobre 1871
Medaglia d'Oro al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Oro al Valor Militare
  «Per essersi distinto quale luogotenente generale di S.M. il Re nelle province meridionali, Gaeta 1861.»
13 aprile 1861
Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri
   
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza
   
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro (Spagna)
     «durante il breve regno spagnolo di Amedeo I, già Duca d’Aosta»

img525

Arc. 860: Principe Eugenio Emanuele di Savoia – Carignano Conte di Villafranca in gran montura da Ammiraglio. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

img526

Arc. 2429: Principe Eugenio Emanuele di Savoia – Carignano Conte di Villafranca in uniforme da Generale Comandante della Guardia Nazionale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Milano. 1860 ca.

img230

Arc. 782: Principe Eugenio Emanuele di Savoia – Carignano Conte di Villafranca in gran montura da Ammiraglio. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Milano.

img527

Arc. 2205: Principe Eugenio Emanuele di Savoia – Carignano Conte di Villafranca in uniforme da Generale della Guardia Nazionale in gran montura. Fotografia CDV. Fotografo: Società fotografica Bolognese – Bologna. 1868 ca.

img528

Arc. 1040: Principe Eugenio Emanuele di Savoia – Carignano Conte di Villafranca. Fotografia CDV. Fotografo: Montabone – Torino. 1870 ca.

 

TOMMASO DI SAVOIA DUCA DI GENOVA

 

 

img529

Arc. 2428: Tommaso Alberto Vittorio di Savoia-Genova (Torino, 6 febbraio 1854 – Torino, 15 aprile 1931). Tommaso di Savoia-Genova nacque nel Palazzo Chiablese di Torino il 6 febbraio 1854, figlio di Ferdinando di Savoia-Genova e di Elisabetta di Sassonia. Era fratello minore di Margherita di Savoia, futura regina d’Italia. Orfano di padre a solo un anno e succedutogli nel titolo di duca di Genova, Tommaso venne posto sotto la tutela dello zio Vittorio Emanuele II, che ne seguì l’educazione mandandolo alla Harrow School di Londra. Dedito alla vita sportiva, dal 31 marzo 1879 al 20 settembre 1881, con il grado di capitano di fregata, poi promosso capitano di vascello durante la traversata, fece il giro del mondo al comando della corvetta Vettor Pisani, nave da guerra italiana alla sua terza campagna oceanica. Il 15 aprile 1883 sposò, presso il castello di Nymphenburg a Monaco di Baviera, Isabella di Baviera (1863-1924). Nel 1915, all’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale, Vittorio Emanuele III decise si trasferirsi da Roma al fronte, affidando parte delle sue funzioni regali a Tommaso e nominandolo Luogotenente Generale del Regno. La carica, però, fu quasi esclusivamente onorifica e non comportò un effettivo esercizio del potere. Tuttavia, in quel periodo, i regi decreti furono chiamati decreti luogotenenziali e portavano, anziché la firma del re, quella del principe Tommaso. Il luogotenente fu anche chiamato ad affrontare direttamente l’emergenza causata nell’Italia centrale dal terremoto di Avezzano del 13 gennaio 1915. Tommaso morì a Torino nel 1931. Riposa nella cripta reale della basilica di Superga, sulle alture del capoluogo piemontese. Nel titolo ducale gli succedette il figlio primogenito Ferdinando. Fotografia CDV. Fotografo: E. Di  Chanaz – Torino. 1860 ca.

Onorificenze

Onorificenze italiane

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata
     1872
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     1872
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Corona d’Italia
     1872
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Regno di Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro (Regno di Spagna)
     1888
Cavaliere dell'Ordine di San'Uberto - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine di San’Uberto
   
Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine della Corona Ferrea
   

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dell’Aquila Nera
   
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Serafini
   
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine di Sant’Andrea
   
Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria    Collare dell’Ordine di Carlo III
     1902
Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria    Balì di Gran Croce d’Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta
   
Balì di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria    Balì di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

img530

Arc. 2149: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova. Fotografia CDV. Fotografo: Le Lieure – Torino. 1864 ca.

img060

Arc. 947: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Allievo della scuola di Artiglieria in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,9 x 16,5. Fotografo: H. Le Lieure – Torino.

img531

Arc. 652: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Allievo della scuola di Artiglieria in gran montura. Fotografia formato gabinetto 10,9 x 16,5. Fotografo: H. Le Lieure – Torino. 1870 ca.

img326

Arc. 2885: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Allievo della scuola di Artiglieria in gran montura. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Le Lieure – Torino

img532

Arc. 387: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Allievo della scuola di Artiglieria in piccola montura. Fotografia CDV. Fotografo: H. Le Lieure – Torino. 1870 ca.

img534

Arc. 1042: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Tenente di Vascello in gran montura. Fotografia formato gabinetto 9 x 14. Fotografo: Montabone – Torino. 1880 ca.

img533

Arc. 2424: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Capitano di Vascello in gran montura. Fotografia formato gabinetto 9,8 x 14. Fotografo: Sconosciuto. 1885 ca.

img535

Arc. 661: S.A.R. Tomaso di Savoia – Genova Duca di Genova in uniforme da Ammiraglio in gran montura Luogotenente Generale del Re. Fotografia cartolina. Fotografo: Sconosciuto. 1915 ca.

 

 

VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA

 

 

 

img954

Arc. 3037: Vittorio Emanuele III principe di Napoli nella culla con la proprio nutrice. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1869. 

 

img506

Arc. 2725: Vittorio Emanuele III principe di Napoli (nato Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro di Savoia); (Napoli, 11 novembre 1869 – Alessandria d’Egitto, 28 dicembre 1947). Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1870 ca.

 

img193

Arc. 3091: Vittorio Emanuele III principe di Napoli (nato Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro di Savoia); (Napoli, 11 novembre 1869 – Alessandria d’Egitto, 28 dicembre 1947). Fotografia formato gabinetto. Fotografo: F.lli Lovazzano – Torino. 

 

img507

Arc. 618: Vittorio Emanuele III principe di Napoli (nato Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro di Savoia) in uniforme da Capitano di Fanteria; (Napoli, 11 novembre 1869 – Alessandria d’Egitto, 28 dicembre 1947). Fotografia formato gabinetto 11 x 16,5. Fotografo: Sconosciuto.

img508

Arc. 1043: Vittorio Emanuele III principe di Napoli in gran montura da Colonnello comandante il 1° Reggimento Fanteria (nato Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro di Savoia); (Napoli, 11 novembre 1869 – Alessandria d’Egitto, 28 dicembre 1947). Fotografia formato gabinetto 11 x 16,2. Fotografo: Sconosciuto. 1890 ca.

img509

Arc. 1208: Vittorio Emanuele III principe di Napoli in grande uniforme  da Tenente Generale mod. 30/05/1877 – 14/02/1907. Fotografia formato cartolina. Fotografo: Sconosciuto. 1900 ca.

img510

Arc. 1751: Vittorio Emanuele III Re d’Italia in grande uniforme da Generale d’Esercito mod. 30/05/1877 – 14/02/1907. Fotografia formato Margherita 8 x 12,3. Fotografo: Sconosciuto. Al fondo dedica e firma autografa ” Agli Ufficiali dell’88° Reggimento Fanteria. Vittorio Emanuele – 1901″.

img514

Arc. 1753: Vittorio Emanuele III Re d’Italia in uniforme ordinaria da Generale d’Esercito mod. 25/12/1902. Fotografia formato cartolina 8,8 x 14. Fotografo: Sconosciuto.

img516

Arc. 2611: Vittorio Emanuele III Re d’Italia in uniforme ordinaria da Generale d’Esercito mod. 25/12/1902. Fotografia formato 9,2 x 14,8. Fotografo: Sconosciuto. Al retro ” Corriere della sera 1908″.

img515

Arc. 738: Vittorio Emanuele III Re d’Italia in grande uniforme da Generale d’Esercito mod. 14/02/1907. Fotografia formato cartolina 8,7 x 13,8. Fotografo: Sconosciuto. Datata 1915.

img912

Arc. G: Vittorio Emanuele III Re d’Italia in uniforme ordinaria da Generale d’Armata mod. 4 novembre 1818 – 3 marzo 1923. Fotografia formato 23,8 x 17,3. Fotografo: Sconosciuto. 

 

UMBERTO II DI SAVOIA

img065

Arc. 1637: S.A.R. Umberto di Savoia principe di Piemonte in grande uniforme da Colonnello Comandante del 12° Reggimento Fanteria mod. 16 settembre 1926 – 14 novembre 1933 (Racconigi, 15 settembre 1904 – Ginevra, 18 marzo 1983). La sua formazione, rigorosa e severa, seguì la tradizione sabauda, con precettori privati coordinati dall’ammiraglio Attilio Bonaldi che aveva pieno controllo sulla vita del principe. Umberto imparò a essere formalmente inappuntabile, anche se interiormente inquieto. Con il re si sviluppò un rispettoso distacco che durò tutta la vita. Lo scoppio della prima guerra mondiale lo trascinò, ancora bambino, nella propaganda bellica: presenziò a parate e manifestazioni patriottiche, incontrò le truppe, frequentò l’ospedale organizzato dalla regina al Quirinale. Nel 1916 ebbe il permesso di raggiungere il re al fronte. Pur con ovvie cautele, condivise le ristrettezze della situazione, facendosi notare per il coraggio e la precisione con cui ottemperava ai propri compiti. Gli piaceva studiare, soprattutto materie umanistiche. Nel 1919 entrò nel Collegio militare di Roma, dove ottenne la maturità classica. Si iscrisse allora al corso per ufficiali di fanteria, assentandosi periodicamente dall’Italia per crociere ‘formative’ via mare. In quel periodo fu infatti il ‘biglietto da visita’ della dinastia, esibito agli italiani di ogni latitudine, ma senza alcun coinvolgimento politico diretto. Il motto per cui «I Savoia regnano uno alla volta» fu applicato alla lettera. Umberto si rivelò ufficiale rigoroso, ma gentile e premuroso, con la truppa e i colleghi, serio e raffinato. Moltiplicò le apparizioni in eventi pubblici mietendo diffusi consensi. Nel 1925 terminò con successo l’Accademia militare. Inviato a Torino, come tenente del 91° reggimento della brigata Basilicata, si stabilì in un’ala del Palazzo Reale che fece restaurare con gusto moderno. Si fece notare nella vita notturna torinese animando la cronaca rosa. Con la soubrette Carla Mignone (in arte Milly) ebbe una relazione probabilmente solo platonica, il che alimentò forse voci sulla sua presunta omosessualità. Benito Mussolini, nel suo contraddittorio rapporto con la monarchia, temeva la crescente popolarità del principe e lo fece spiare costantemente dall’OVRA (Opera Vigilanza Repressione Antifascista), la polizia segreta; avrebbe addirittura portato con sé il relativo dossier nel tentativo di fuga dell’aprile del 1945. Durante quegli anni di spensieratezza, tuttavia, Umberto sviluppò anche un diverso lato del carattere, mistico e religioso, similmente al suo avo Carlo Alberto. Nel 1928 fece un pellegrinaggio in Terrasanta. Salutò con sincero gaudio la firma dei Patti lateranensi. Il 24 ottobre 1929, a Bruxelles, scampò a un attentato, segno della rilevanza politica che stava acquisendo. Era tempo di lasciare la vita da scapolo, visto anche il montare delle trame antimonarchiche fasciste: serviva un erede. Le nozze con la principessa di Sassonia Coburgo Gotha Maria José del Belgio – combinate da tempo – furono fissate per l’8 gennaio 1930. Mussolini, in divisa e collare dell’Annunziata, funse da notaio della Corona. Gli sposi erano eleganti e bellissimi (Umberto stesso aveva disegnato l’abito della moglie). Furono anche ricevuti da Pio XI: un segnale del nuovo corso nei rapporti tra Chiesa e Stato. L’avvenenza della coppia erede al trono colpì l’immaginario popolare e il duce non poté esserne felice. Umberto si mantenne comunque su un antifascismo generico, manifestato in ambiti circoscritti o privati. La coppia reale si stabilì a Torino, ma presto si rivelò non troppo ben assortita: ci furono attriti che la promozione di Umberto a generale, con il suo trasferimento a Napoli, attenuò parzialmente. Nella stagione napoletana (1931-35) Maria José ebbe occasione di coltivare certe sue idee ‘liberali’, frequentando tra l’altro anche Benedetto Croce. Rimase incinta, ma ci furono voci e pettegolezzi – spesso di matrice fascista – circa l’effettiva paternità del nascituro. Maria Pia di Savoia nacque il 24 settembre 1934. Al battesimo fece scalpore l’assenza del duce: la nascita di un’erede non lo rasserenò certo mentre varava il suo progetto imperiale. Umberto fu tenuto lontano dal fronte e dai ‘riflettori’ della vittoria africana. Ma quando le sanzioni colpirono l’Italia e la regina Elena partecipò alla Giornata della fede, in cui gli italiani donarono gli anelli nuziali, il principe donò il proprio collare dell’Annunziata; fece poi seminare a grano sette ettari del parco di Racconigi. Umberto completò intanto la propria carriera militare (generale di corpo d’armata), proseguì in quella di rappresentanza (fece le veci del padre ai funerali di Giorgio V d’Inghilterra) ed ebbe un figlio maschio, Vittorio Emanuele, nato il 12 febbraio 1937. Fu questo un altro brutto colpo per il duce, che invidiava ad Adolf Hitler la libertà da ogni autorità superiore e che nel 1938 andò due volte in rotta di collisione con la Corona: con la creazione del primo maresciallato dell’Impero, che toccava le prerogative militari regie, e di fronte alla freddezza degli ambienti di corte verso la crescente intesa con la Germania (specialmente durante la visita di Hitler a Roma). Il re trasmise sentimenti antitedeschi al figlio, che era anche fortemente cattolico, quindi Umberto non poteva concepire positivamente un’alleanza con il Führer. La presenza della principessa belga, preoccupata per le future sorti del proprio Paese, non migliorò le cose. In ogni caso, visto il successo di Mussolini alla Conferenza di Monaco, Umberto badò a tenere una condotta ‘fascistissima’: a Milano presenziò al passaggio del duce rientrante da Monaco, partecipò alle nozze di Bruno Mussolini, si recò ‘in pellegrinaggio’ – come già i propri genitori – a Predappio. Mentre l’Italia espandeva la propria influenza sull’Albania e si prospettava un possibile impegno bellico, fu ancora tenuto lontano da incarichi di primo piano. Solo in casi estremi, il padre accettò che gli fosse assegnato un comando di rilievo. Umberto, come sempre, ubbidì. «Come militare io assolsi sempre il mio dovere: era questo l’esempio che dovevo dare. Quanto alle mie idee personali sul Fascismo […], rifuggii sempre da ogni atteggiamento politico specifico» (Bolla, 1949, p. 87). A guerra ormai imminente, il 24 febbraio 1940 nacque la terzogenita Maria Gabriella. Quando l’Italia entrò nel conflitto, Umberto ottenne il comando delle armate al confine francese: la Francia era però prossima al collasso e le operazioni furono molto limitate. Successivamente si ventilarono per lui diversi incarichi ma non se ne fece nulla. Il regime non desiderava dare a Umberto occasioni di visibilità, mentre il re non voleva fargli correre rischi né comprometterlo in caso di sconfitte; gli furono anche vietate visite d’ispezione fuori dal territorio nazionale. Dopo il febbraio del 1942 gli fu affidato il comando delle Armate Sud, che prevedeva un ‘innocuo’ stanziamento ad Anagni. Senza possibilità di recitare una parte attiva nel conflitto, Umberto si andò allineando alle posizioni della moglie, ispettrice nazionale della Croce rossa e sempre più avversa al regime. Insieme intrapresero una serie di azioni umanitarie in favore della popolazione italiana, guadagnandone in popolarità. Alla fine del 1942 – in coincidenza con il ventennale del fascismo – Umberto fu nominato maresciallo d’Italia. Poco dopo, il 2 febbraio 1943, nacque l’ultimogenita, Maria Beatrice. L’evento passò quasi inosservato, al confronto con il drammatico quadro bellico. Il risveglio delle opposizioni al regime passò anche attraverso la Corona, ma non attraverso Umberto: «Il figlio non farà nulla contro il padre, neppure un passo risoluto per piegarlo ai nostri piani. Il Principe ha idee chiare, peccato non abbia la ferma volontà di fare» (Bonomi, 1947, p. 108). Nelle vicende del 25 luglio 1943, Umberto e Maria José non ebbero ruolo attivo: «Teniamo da parte i giovani» avrebbe detto il ministro della Real Casa, Pietro d’Acquarone, a Pietro Badoglio. Maria José fu spedita con i figli a Sant’Anna di Valdieri e poi d’urgenza in Svizzera, per mettere il piccolo erede al riparo dai nazisti. Si ricongiunse con il marito solo alla fine della guerra. Umberto, che era stato trasferito lontano dalle zone calde, a Sessa Aurunca, fu convocato a Roma l’8 settembre: il re gli comunicò la firma dell’armistizio. Tra scarsa pianificazione e varie incertezze si compì un rocambolesco trasferimento verso Pescara e poi Brindisi. Umberto era critico sulle modalità di abbandono della capitale, poi più volte chiese di tornare. Il re risolse la questione presentando la decisione come un ordine. Dopo la liberazione di Roma, nel giugno del 1944, Vittorio Emanuele mantenne un impegno preso con gli anglo-americani e i Comitati di liberazione nazionale (CLN) defilandosi politicamente: nominò Umberto luogotenente del Regno (carica ideata ad hoc), ma rifiutò l’abdicazione e rimase re. Entro tali limiti Umberto adottò una linea di apertura e collaborazione sia con le forze antifasciste, sia con gli Alleati. Il 5 giugno accolse le dimissioni del governo Badoglio e l’8 incaricò Ivanoe Bonomi, espressione delle forze democratiche. Nominò un nuovo ministro della Real Casa: il marchese Falcone Lucifero, con un passato anche di socialista riformista, che avrebbe potuto costituire un utile canale di comunicazione con le nuove forze politiche. Il d.l.l. n. 151 del 25 giugno 1944 sancì che, al termine della guerra, sarebbe stata eletta a suffragio universale un’Assemblea costituente per scegliere la forma dello Stato e preparare una nuova costituzione: una prospettiva che metteva sotto scacco a un tempo la monarchia e lo Statuto albertino. Come in passato, Umberto fu piuttosto abile nelle attività di rappresentanza: aprì i palazzi sabaudi agli sfollati e ai feriti e s’impegnò in una fitta serie d’incontri sul territorio, con maggiore successo al Sud. Formalmente – in un’Italia che bramava normalità – Umberto cercò di tornare a prassi di tipo costituzionale: alla crisi del governo Bonomi avviò consultazioni tra i diversi esponenti politici. Il suo scopo si fece più chiaro: ‘rasserenare’ il Paese, cercando al tempo stesso di ‘ripulire’ l’immagine della dinastia. Per questo si pronunciò con «parole insolitamente dure» (Speroni, 1992, p. 269) contro i decreti governativi sull’epurazione, che pure firmò. Il 18 marzo 1946 siglò anche il decreto che modificava la situazione prevista dal d.l.l. n. 151 del 1944 indicendo per il 2 giugno le elezioni per l’Assemblea costituente assieme a un referendum per la scelta tra monarchia e repubblica. Il 9 maggio il re abdicò e partì in esilio. Il figlio salì al trono come Umberto II: aveva fin lì agito «come un perfetto Presidente della Repubblica» (Oliva, 2000, p. 202), ma certamente senza il piglio personalistico e carismatico di un sovrano in un contesto così delicato, né mostrava ora le caratteristiche adatte a una competizione elettorale tanto accesa. Il fronte monarchico appariva per di più poco compatto. Il referendum diede la vittoria alla repubblica. Il re rifiutò di lasciare Corona e Paese senza un verdetto confermativo della Cassazione. Ci furono, al Sud, agitazioni filomonarchiche. Il 12 giugno Alcide De Gasperi s’insediò come capo provvisorio dello Stato. Il giorno seguente Umberto lasciò il Quirinale: non abdicò, non trasmise i poteri e lanciò un duro proclama in cui definì «rivoluzionario» e «arbitrario» l’operato del governo e disse di aver dovuto agire nell’alternativa «di provocare spargimento di sangue o di subire la violenza». Il 13 giugno, assieme ai collaboratori più stretti, partì alla volta del Portogallo dove ritrovò Maria José e i figli, ma nell’estate del 1947 la coppia si divise definitivamente. Gli anni dell’esilio portarono anche dissapori con la prole e specialmente con il figlio maschio. Con l’entrata in vigore della costituzione repubblicana, il 1° gennaio 1948, l’esilio volontario del re acquisì forza di legge. Umberto si dichiarò sorpreso perché intenzionato ad allontanarsi dall’Italia solo per «qualche tempo», contando di tornare per dare il proprio «apporto all’opera di pacificazione e ricostruzione» una volta placate «le passioni» (Speroni, 1992, p. 316). Coerentemente, non rinunciò mai a quelli che percepiva come propri doveri istituzionali, tenendosi aggiornato sulla politica italiana e inviando messaggi per celebrare ricorrenze e commentare avvenimenti. Dal 1964 cominciò una lunga lotta contro un tumore – con ripetuti interventi chirurgici, tenuti nascosti alla stampa –, che terminò il 18 marzo 1983, quando morì in una clinica di Ginevra. Poco meno di un anno prima aveva espresso a papa Giovanni Paolo II, in Portogallo, il proprio desiderio di morire in Italia. Anche per interessamento del pontefice, il governo italiano discusse l’abrogazione della norma costituzionale sull’esilio, ma inutilmente, perché Umberto morì prima della fine dell’iter abrogativo, che fu interrotto. Fotografia formato 13,6 x 8,6. Fotografo: Fotocolore – Torino.

Onorificenze

Onorificenze italiane

Gran maestro dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine supremo della Santissima Annunziata
     9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine militare di Savoia
     9 maggio 1946 (già Commendatore)
Gran maestro dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine della Corona d’Italia
     9 maggio 1946 (già Cavaliere di gran croce)
Gran maestro dell'Ordine civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine civile di Savoia
     9 maggio 1946
Gran maestro dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine coloniale della Stella d’Italia
     9 maggio 1946 (già Cavaliere di gran croce)
Gran maestro dell'Ordine al merito del Lavoro - nastrino per uniforme ordinaria    Gran maestro dell’Ordine al merito del Lavoro
     9 maggio 1946
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Besa (Regno d'Albania) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine della Besa (Regno d’Albania)
     fino al 27 novembre 1943
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Skanderbeg (Regno d'Albania) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine di Skanderbeg (Regno d’Albania)
     fino al 27 novembre 1943
Cavaliere di gran croce dell'Ordine civile e militare dell'Aquila romana - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine civile e militare dell’Aquila romana
     fino al 3 gennaio 1945

Onorificenze straniere

Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria    Gran Cordone dell’Ordine di Leopoldo (Belgio)
   
Cavaliere dell'Ordine Supremo di Cristo (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine Supremo di Cristo (Santa Sede)
     2 gennaio 1932
Balì Cavaliere di gran croce di Onore e Devozione con Croce di Professione ad honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria    Balì Cavaliere di gran croce di Onore e Devozione con Croce di Professione ad honorem del Sovrano       Militare Ordine di Malta (SMOM)
     17 novembre 1922
Collare pro merito melitensi (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria    Collare pro merito melitensi (SMOM)
   
Cavaliere di gran croce dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede)
   
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dell’Elefante (Danimarca)
     31 agosto 1922
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Serafini (Svezia)
     7 settembre 1922
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine del Toson d’oro (Spagna)
     19 novembre 1923
Collare del Reale e Distinto Ordine spagnolo di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria    Collare del Reale e Distinto Ordine spagnolo di Carlo III (Spagna)
   
Ordine di Michele il Coraggioso di 1ª classe (Regno di Romania) - nastrino per uniforme ordinaria    Ordine di Michele il Coraggioso di 1ª classe (Regno di Romania)
     26 luglio 1943
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
   
Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine reale norvegese di Sant’Olav (Norvegia)
   
Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine militare del Cristo (Portogallo)
   
Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila nera (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine supremo dell’Aquila nera (Regno di Prussia)
   
Decorato di Royal Victorian Chain (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria    Decorato di Royal Victorian Chain (Regno Unito)
   
Balì Cavaliere di Gran Croce di giustizia decorato di Collare del Sacro militare Ordine costantiniano di San Giorgio (Real Casa di Borbone delle Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria    Balì Cavaliere di Gran Croce di giustizia decorato di Collare del Sacro militare Ordine costantiniano di     San Giorgio (Real Casa di Borbone delle Due Sicilie)
   
Gran collare dell'Ordine dell'Aquila di Georgia e della Tunica senza cuciture di Nostro Signore Gesù Cristo (Casa Bagration - Georgia) - nastrino per uniforme ordinaria    Gran collare dell’Ordine dell’Aquila di Georgia e della Tunica senza cuciture di Nostro Signore Gesù         Cristo (Casa Bagration – Georgia)
   
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine equestre per il merito civile e militare (Repubblica di San Marino) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine equestre per il merito civile e militare (Repubblica di San Marino)

 

img227

Arc. 926 bis: S.A.R. Umberto di Savoia principe di Piemonte in grande uniforme da Colonnello Comandante del 12° Reggimento Fanteria e S.A.R. Maria José del Belgio (Ostenda, 4 agosto 1906 – Thônex, 27 gennaio 2001) principessa di Piemonte. Fotografia formato 23,7 x 17,1. Fotografo: L. Bogino – Torino. 

 

2-