fanteria ufficiali 1871 – 1907

1871 – 1879

img753

Arc. 716: Fanteria: Biandrà dei Conti di Reaglie Nob. Vittorio in gran montura da Colonnello Comandante di Fanteria mod. 2 aprile 1871 – 29 giugno 1879 (Torino 1828 – Montegrino CO 1913). Entrato all’Accademia Militare di Torino il 21 ottobre 1843, uscì il 28 marzo 1848 Sottotenente dei Granatieri Guardie e il 30 novembre dello stesso anno venne nominato Tenente partecipando alla campagna del 1848-49. Il 16 novembre 1856 fu promosso capitano nel 9° Reggimento Fanteria e nella campagna del 1859 ottenne la Medaglia d’Argento al Valor Militare nel fatto d’arme di Palestro. Maggiore il 17 marzo 1861 venne nominato Comandante in 2^ del Collegio Militare di Milano e poi di Parma. Nel 1864 passò come Direttore Studi alla Scuola Militare di Fanteria e Cavalleria di Modena e il 20 luglio 1866 venne promosso Tenente Colonnello. Nel 1867 passò al 1° Reggimento Fanteria, nel 1868 al 4° Reggimento Granatieri e nel 1870 al comando del 54° Reggimento Fanteria. Il 1° giugno 1871 fu promosso Colonnello e il 20 giugno 1878 Colonnello Brigadiere Comandante l’8^ Brigata Fanteria. Il 13 ottobre 1881 fu Comandante Superiore dei Distretti della Divisione di Genova e il 1° dicembre dello stesso anno venne promosso Maggior Generale Comandante Superiore dei Distretti della Divisione di Torino. Nel 1889 venne messo in Posizione Ausiliaria e il 12 marzo 1895 venne promosso Tenente Generale nella Riserva. Fotografia CDV. Fotografo: G. Rossi – Genova – Milano.

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine della Corona d’Italia
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Palestro 1859
Medaglia piemontese della Guerra di Crimea - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia piemontese della Guerra di Crimea
   
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 3 barrette
   

img755

Arc. 2826: Fanteria: Bettarini Manlio in piccola montura da Colonnello Comandante del 60° Reggimento Fanteria Aiutante di Campo Onorario del Re mod. 2 aprile 1871 – 29 giugno 1879 (Piancaldoli 1822 – Firenze 1895). Partecipò alla campagna del 1848 come Sergente volontario nel Battaglione Volontari livornesi al servizio del Governo della Toscana e prese parte col grado di Capitano nei Granatieri Toscani alla campagna del 1859. Entrato a far parte del Regio Esercito nel 1860, si distinse durante la campagna di Ancona e Bassa Italia del 1860-61 e fu decorato della Medaglia d’Argento al Valor Militare nelle operazioni per la pacificazione dell’Italia meridionale del 1862. Partecipò con il grado di Maggiore alla campagna del 1866, e promosso Colonnello nel 1875 ebbe il comando del 60° Reggimento Fanteria e fu nominato Aiutante di Campo Onorario del Re. Collocato a riposo nel 1879, raggiunse il grado di Maggior Generale nella Riserva. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: F.lli Alinari – Firenze – Roma. Datata marzo 1879. 

Onorificenze 

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Bassa Italia 1862
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 4 barrette
 

img754

Arc. 2267: Biandrà dei Conti di Reaglie Nob. Vittorio in piccola montura da Colonnello Comandante di Fanteria mod. 2 aprile 1871 – 29 giugno 1879 (Torino 1828 – Montegrino CO 1913). Fotografia CDV. Fotografo: G. Rossi – Genova – Milano.

img752

Arc. 3017: Cordero di Montezemolo Adriano in piccola montura da Colonnello Comandante del 71° Reggimento Fanteria mod. 2 aprile 1871 – 29 giugno 1879 (Mondovi 1831 – Mondovì 1902). Sottotenente di Fanteria al servizio del Governo Provvisorio Lombardo nel 1848, prese parte alla campagna del 1848-49; entrato nell’Esercito Sardo come Sottotenente nell’8° Reggimento Fanteria il 17 marzo 1849 prese parte alla campagna del 1859 rimanendo ferito a San Martino e guadagnandosi la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Il 23 febbraio 1860 venne nominato Capitano, prese parte alla campagna del 1860 e il 28 novembre 1867 fu promosso Maggiore nel 57° Reggimento. Partecipò alla campagna del 1866 e alla presa di Roma del 1870. Il 15 ottobre 1876 fu promosso Tenente Colonnello e l’11 marzo 1880 divenne Colonnello e venne posto al Comando del 61° Reggimento Fanteria. Il 25 settembre 1884 fu trasferito al comando del 47° Reggimento Fanteria e nel 1887 fu promosso Colonnello Brigadiere Comandante la Brigata Bergamo. Il 2 ottobre 1887 ottenne il grado di Maggior Generale e il 1° aprile 1890 venne posto in Posizione Ausiliaria. Il 1° gennaio 1893 fu collocato in Riserva e il 3 marzo 1898 venne promosso Tenente Generale. Fotografia CDV. Fotografo: Pagliano – Milano.

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Corona d’Italia
     
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     San Martino 24 giugno 1859
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

img795

Arc. 3025: Fanteria: Maggiore del 42° Reggimento Fanteria in gran montura mod. 1871 – 1873. Fotografia formato 14,5 x 10. Fotografo: Sconosciuto. 

img815

Arc. 1243: Fanteria: Capitano del 7° Reggimento Fanteria in gran montura mod. 1871 – 1873. Fotografia CDV. Fotografo: Baroni e Gardelli – Parma. 

img816

Arc. 1243: Fanteria: Capitano in gran montura mod. 1871 – 1873. Fotografia CDV. Fotografo: G. Rossi – Genova – Milano. 

img814

Arc. 1827: Fanteria: Capitano del 25° Reggimento Fanteria in gran montura mod. 1873 – 1879. Fotografia CDV. Fotografo: R. Ferretti – Roma – Napoli. 

img818

Arc. 1444: Fanteria: Tenente in gran montura mod. 1873 – 1879. Fotografia CDV. Fotografo: Valvo – Catania – Messina. 

1879 – 1895

img360

Arc. 2894: Fanteria: Charles Ferdinando in grande uniforme da Colonnello Brigadiere di Fanteria mod. 29/06/1879 – 16/05/1895 ( Verthemex-Savoia 1829 –   ). Soldato volontario nel 1° Reggimento Fanteria il 25 marzo 1845 fu promosso Sottotenente il 20 maggio 1848, partecipò alla campagna del 1848-49 guadagnando la Medaglia d’Argento al Valor Militare a Novara e il 16 agosto 1853 ottenne il grado di Tenente. Il 3 marzo 1859 ebbe il grado di Capitano e alla fine delle campagne del 1859-60, il 16 aprile 1861 fu trasferito al 53° Reggimento Fanteria della Brigata Umbria. Venne poi trasferito al 54° Reggimento con il grado di Maggiore il 23 marzo 1862 e il 17 maggio del 1866 passò al 1° Reggimento della Brigata Re. Il 20 luglio 1866, durante la campagna contro l’Austria, passò al 60° Reggimento e il 30 dicembre del 1868 ottenne il grado di Tenente Colonnello nel 18° Reggimento della Brigata Acqui. Il 4 dicembre 1873 venne promosso Colonnello fu posto al comando del 49° Reggimento Fanteria e il 2 gennaio 1881, con il grado di Colonnello Brigadiere, passò al comando della 9^ Brigata di Fanteria e successivamente della Brigata Savona. Maggior Generale il 1° dicembre 1881 venne promosso Tenente Generale comandante la Brigata Brescia il 13 marzo 1887. Il 1° maggio 1889 venne posto in Posizione Ausiliaria. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: A. Mauri – Napoli.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Novara 1849
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

img757

Arc. 2616: Fanteria: Cordero di Montezemolo Adriano in grande uniforme da Colonnello Comandante del 61° Reggimento Fanteria mod. 30 maggio 1877 – 14 febbraio 1907 (Mondovi 1831 – Mondovì 1902). Sottotenente di Fanteria al servizio del Governo Provvisorio Lombardo nel 1848, prese parte alla campagna del 1848-49; entrato nell’Esercito Sardo come Sottotenente nell’8° Reggimento Fanteria il 17 marzo 1849 prese parte alla campagna del 1859 rimanendo ferito a San Martino e guadagnandosi la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Il 23 febbraio 1860 venne nominato Capitano, prese parte alla campagna del 1860 e il 28 novembre 1867 fu promosso Maggiore nel 57° Reggimento. Partecipò alla campagna del 1866 e alla presa di Roma del 1870. Il 15 ottobre 1876 fu promosso Tenente Colonnello e l’11 marzo 1880 divenne Colonnello e venne posto al Comando del 61° Reggimento Fanteria. Il 25 settembre 1884 fu trasferito al comando del 47° Reggimento Fanteria e nel 1887 fu promosso Colonnello Brigadiere Comandante la Brigata Bergamo. Il 2 ottobre 1887 ottenne il grado di Maggior Generale e il 1° aprile 1890 venne posto in Posizione Ausiliaria. Il 1° gennaio 1893 fu collocato in Riserva e il 3 marzo 1898 venne promosso Tenente Generale. Fotografia formato 20,2 x 9,2. Fotografo: Weintraub e Damiano – Salerno.

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Corona d’Italia
     
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     San Martino 24 giugno 1859
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

img778

Arc. 1747: Fanteria: Sandri Eugenio in grande uniforme da Colonnello Comandante del 49° Reggimento Fanteria mod. 29/06/1879 – 16/05/1895. Tenente Colonnello di Fanteria il 9 dicembre 1883, fu Comandante del 49° Reggimento Fanteria nel 1887. L’8 aprile 1888 venne promosso Colonnello e poco dopo venne collocato in Disposizione. Fotografia formato 12 x 7 montata su cartoncino. Fotografo: Sconosciuto.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

img749

Arc. 1997: Fanteria: Luparia Achille in grande uniforme da Colonnello Comandante del 87° Reggimento Fanteria mod. 29/06/1879 – 16/05/1895. Capitano del 55° Reggimento Fanteria, il 23 giugno 1861 passò al 60° Reggimento. Promosso Maggiore nel 64° Reggimento Fanteria il 4 novembre 1875, ottenne il grado di Tenente Colonnello del 23° Reggimento il 1° dicembre 1881. Il 18 ottobre 1884 venne promosso Colonnello ottenendo il comando dell’87° Reggimento Fanteria. Il 1° aprile 1890 venne collocato in Posizione Ausiliaria e con il grado di Colonnello venne posto nella Riserva nel 1895. Il 5 settembre 1894 venne promosso Maggior Generale e il 4 giugno 1903 ottenne infine il grado di Tenente Generale. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: G. Paganini – Novara.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 
Medaglia piemontese della Guerra di Crimea - nastrino per uniforme ordinaria   Medaglia piemontese della Guerra di Crimea
   

img769

Arc. 3022: Fanteria: Bossalino Domenico in grande uniforme da colonnello Comandante di Fanteria mod. 29/06/1879 – 16/05/1895 (Sassari 8 maggio 1840 – Pisa 27 ottobre 1901). Allievo all’Accademia Militare di Torino il 30 agosto 1860, venne promosso Sottotenente nel 2° Reggimento Fanteria e Applicato allo Stato Maggiore l’8 settembre 1861. Promosso Tenente di Stato Maggiore il 9 novembre 1862, partecipò alla campagna del 1866 e il 4 agosto dello stesso anno venne promosso Capitano frequentando poi la Scuola di Guerra. Il 26 agosto 1877 ottenne il grado di Maggiore nel 66° Reggimento Fanteria e il 10 dicembre 1882 fu Tenente Colonnello nel 59° Reggimento. Il 20 marzo 1887 venne promosso Colonnello e gli fu affidato il comando del 22° Reggimento Fanteria per poi essere trasferito, l’11 dicembre 1892 al comando del 32° Distretto Militare di Trapani. Il 23 maggio 1894 passò al comando del 12° Distretto Militare di Siena e il 4 maggio 1898 venne collocato in Posizione Ausiliaria. Il 18 febbraio 1900 passò nella Riserva e il 6 giugno 1901 ottenne il grado di Maggior Generale. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Calzolari – Milano.

Onorificenze

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Commendatore dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (5 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria   Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza (1 barretta)
   

 

img731

Arc. 3009: Fanteria: morelli dei marchesi Di Ticinetto e dei conti Dipopolo nobile Pietro in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante 48° Reggimento Fanteria Aiutante di Campo Onorario del Re mod. 29 giugno 1879 – 16 maggio 1895 (Alessandria 1838 – Torino 1896). Allievo all’Accademia Militare il 30 ottobre 1852, uscì Sottotenente dei Granatieri l’8 ottobre 1857. Tenente il 19 ottobre 1859, partecipò alla campagna della Bassa Italia e il 14 settembre 1860 ottenne la prima Medaglia d’Argento al Valor Militare alla presa di Perugia ed una seconda a Gaeta il 4 novembre. Capitano il 24 marzo 1861, Maggiore il 9 novembre 1872, venne promosso Tenente Colonnello il 24 luglio 1879. Il 27 ottobre 1883 ottenne il grado di Colonnello Comandante il 48° Reggimento Fanteria e il 7 luglio 1887 passò al comando del 2° Reggimento Granatieri. Il 19 aprile 1891 venne promosso Maggior generale e ottenne il comando della Brigata Granatieri di Sardegna e il 16 luglio 1894 venne collocato nella Riserva. Fu Ufficiale d’Ordinanza Effettivo del Re dal 20 ottobre 1876 al 10 febbraio 1880 poi Onorario fino al 19 aprile 1891. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Montabone – Genova.

Onorificenze

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Perugia 1860
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Gaeta 4 novembre 1861

img790

Arc. G1: Fanteria: Beltramini Marcello in uniforme festiva da Colonnello Comandante dell’83° Reggimento Fanteria mod. 29 giugno 1879 – 16 maggio 1895 (Borgo Lavezzano 1837 – Torino 1894). Sottotenente di Fanteria nel 1859 fece la campagna di quell’anno contro l’Austria e nel 1860 da Tenente di distinse nella campagna di Ancona e della Bassa Italia meritandosi una Medaglia di Bronzo al Valor Militare all’assedio di Gaeta. Nel 1865 prese parte alla campagna contro il brigantaggio e il 3 maggio 1866 ottenne il grado di Capitano del 43° Reggimento Fanteria con il quale prese parte alla campagna del 1866 meritando la Medaglia d’Argento al Valor Militare a Custoza il 24 giugno. Maggiore nel 64° Reggimento Fanteria il 6 maggio 1875, venne promosso Tenente Colonnello nel 43° Reggimento Fanteria il 12 giugno 1881. Il 18 ottobre 1884 venne promosso Colonnello e gli fu affidato il comando dell’83° Reggimento Fanteria e il 16 marzo 1893 ottenne il grado di Maggior Generale Comandante la Brigata Savona. Fotografia formato 24,5 x 18. Fotografo: G.B. Migone – Alessandria.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
 
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Custoza 24 giugno 1866
Medaglia di bronzo al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia di bronzo al Valor Militare
     Gaeta – 1860
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 3 barrette
 

 

img688

Arc. 1958: Cordero di Montezemolo Adriano in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante del 61° Reggimento Fanteria mod. 30 maggio 1877 – 14 febbraio 1907 (Mondovi 1831 – Mondovì 1902). Sottotenente di Fanteria al servizio del Governo Provvisorio Lombardo nel 1848, prese parte alla campagna del 1848-49; entrato nell’Esercito Sardo come Sottotenente nell’8° Reggimento Fanteria il 17 marzo 1849 prese parte alla campagna del 1859 rimanendo ferito a San Martino e guadagnandosi la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Il 23 febbraio 1860 venne nominato Capitano, prese parte alla campagna del 1860 e il 28 novembre 1867 fu promosso Maggiore nel 57° Reggimento. Partecipò alla campagna del 1866 e alla presa di Roma del 1870. Il 15 ottobre 1876 fu promosso Tenente Colonnello e l’11 marzo 1880 divenne Colonnello e venne posto al Comando del 61° Reggimento Fanteria. Il 25 settembre 1884 fu trasferito al comando del 47° Reggimento Fanteria e nel 1887 fu promosso Colonnello Brigadiere Comandante la Brigata Bergamo. Il 2 ottobre 1887 ottenne il grado di Maggior Generale e il 1° aprile 1890 venne posto in Posizione Ausiliaria. Il 1° gennaio 1893 fu collocato in Riserva e il 3 marzo 1898 venne promosso Tenente Generale. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Navariani – Torino.

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Corona d’Italia
     
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     San Martino 24 giugno 1859
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

img813

Arc. 2217: Castelli Paolo in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante del 75° Reggimento Fanteria mod. 29 giugno 1879 – 1° gennaio 1895 ( 18.. – 1° febbraio 1889). Tenente Colonnello del 76° Reggimento Fanteria il 9 dicembre 1883, fu comandante del 75° Reggimento Fanteria dal 7 ottobre 1887 al 1° febbraio 1889. Venne promosso Colonnello l’8 aprile 1888. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Sorgato – Bologna. 

img772

Arc. 717: Fanteria: Garrone Bernardino in grande uniforme da Maggiore di Fanteria Aiutante di Campo Onorario del Re mod. 29 giugno 1879 – 16 maggio 1895 (Villafaletto 2 febbraio 1844 – Fossano 17 maggio 1893 suicida). Allievo all’Accademia Militare di Torino il 20 novembre 1862, uscì il 10 agosto 1865 Sottotenente del Genio. Tenente il 15 agosto 1867, venne promosso Capitano e trasferito allo Stato Maggiore presso il Comando Generale di Milano il 18 dicembre 1873. Il 30 maggio 1878 venne nominato Ufficiale d’Ordinanza Onorario del Re e nel 1881 Aiutante di Campo Onorario del Re. Il 1° dicembre 1881 ottenne il grado di Maggiore di Fanteria e poi trasferito di nuovo nel Corpo di Stato Maggiore fu Capo di Stato Maggiore della Divisione Perugia. Tenente Colonnello Capo di Stato Maggiore della Divisione di Milano il 21 marzo 1886, venne promosso Colonnello Comandante il 56° Reggimento Fanteria il 30 marzo 1890. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: Montabone – Roma. 

Arc. 2955: Ardinghi Alessandro in grande uniforme da Maggiore del 47° Reggimento Fanteria mod. 29 giugno 1879 al 16 maggio 1895 (26 ottobre 1831 -). Tenente nel 4° Reggimento Fanteria il 2 maggio 1860, venne promosso Capitano del 4° Reggimento e poi del 41° il 23 marzo 1862. Il 13 giugno 1878 ottenne il grado di Maggiore nel 47° Reggimento Fanteria e il 13 aprile 1884 Tenente Colonnello nel 69° Reggimento Fanteria. L’11 ottobre 1888 venne promosso Colonnello Comandante del 64° Reggimento  e il 2 ottobre 1890 venne posto al comando del 20° Distretto Militare di Messina. Il 1° ottobre 1892 fu posto in Posizione Ausiliaria e il 1° gennaio 1896 fu trasferito nella Riserva. Fotografia CDV. Fotografo: G. Rossi – Milano. Datata 1882.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
 
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

1895 – 1902

img718

Arc. G1: Solaro Emilio in grande uniforme da Colonnello Comandante del 5° Reggimento Fanteria mod. 16 maggio 1895 – 24 aprile 1902 (17 agosto 1846 – 19..). Sottotenente di Fanteria il 20 maggio 1866 venne promosso Tenente nel 55° Reggimento Fanteria il 21 dicembre 1873. Il 24 giugno 1880 ottenne il grado di Capitano nell’81° Reggimento e il 30 marzo del 1890 fu Maggiore nel 73° Reggimento Fanteria. Tenente Colonnello nel 6° Reggimento il 30 gennaio 1896 venne promosso Colonnello del 5° Reggimento Fanteria il 29 dicembre 1898. Rimase al comando di questo Reggimento fino al 2 settembre 1904. Fotografia formato 26,5 x 22. Fotografo: Sconosciuto.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

img751

Arc. 2729: Fanteria: Viganoni Tullio in grande uniforme da Colonnello Comandante del 27° Reggimento Fanteria mod. 16 maggio 1895 – 24 aprile 1902 (16 giugno 1847 – Mantova 19..). Sottotenente del 2° Reggimento Bersaglieri il 20 maggio 1866, partecipò alla campagna di quell’anno contro l’Austria e il 21 dicembre 1873 venne nominato Tenente. Frequentò la Scuola di Guerra nel 1875 e il 22 agosto 1880 fu Capitano nel 10° Reggimento Bersaglieri per poi venire promosso Maggiore nel 9° Bersaglieri il 30 marzo 1890. Promosso Tenente Colonnello il 30 gennaio 1896, ottenne il grado di Colonnello Comandante del 27° Reggimento Fanteria il 5 marzo 1899. Il 20 gennaio 1901 venne collocato in Posizione Ausiliaria e il 2 aprile 1911 venne promosso Maggior Generale nella Riserva. Fotografia formeto gabinetto. Fotografo: M. Nunesvais – Firenze.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 
 

img776

Arc. 2387: Fanteria: Edel Vittorino in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante del 1° Reggimento Fanteria mod. 16 maggio 1895 – 24 aprile 1902 (Parma 24 luglio 1845 – Roma 23 ottobre 1932). Sottotenente di Fanteria il 20 maggio 1866, prese alla campagna di quell’anno meritandosi una Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Tenente 62° Reggimento Fanteria il 21 dicembre 1873, venne promosso Capitano di Stato Maggiore nella Divisione di Bari l’8 novembre 1880. Il 7 ottobre 1887 venne promosso Maggiore del 2° Reggimento Fanteria. Tenente Colonnello Capo di Stato Maggiore della divisione di Piacenza l’11 dicembre 1892, fu promosso Colonnello Comandante del 1° Reggimento Fanteria il 2 luglio 1896. Il 26 gennaio 1902 ottenne il grado di Maggior Generale e venne posto al comando della Brigata Livorno, nel 1907 venne collocato nella Riserva e richiamato nel 1915-16 come Comandante della Divisione Territoriale di Palermo. Il 1° febbraio 1923 venne promosso Generale di Divisione. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: G. Carli – Ravenna. 

Onorificenze

Medaglia di bronzo al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia di bronzo al Valor Militare
     1866

img789

Arc. 1957: Fanteria: Cauvin Giovanni Battista in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante del 45° Reggimento Fanteria mod. 16 maggio 1895 – 24 aprile 1902 (Berra 27 marzo 1842 – Genova 19..). Volontario nella Campagna del 1859, venne promosso Sottotenente nel 9° Reggimento Fanteria il 27 marzo 1860. Prese parte alla Campagna del 1860-61 guadagnandosi una Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Castelfidardo e una d’Argento sul Macerone e a Gaeta. Il 23 marzo 1862 venne promosso Tenente, prese parte alla campagna del 1866 contro l’Austria meritandosi una seconda Medaglia di Bronzo a Borgoforte. Capitano il 19 dicembre 1872, venne promosso Maggiore nel 10° Reggimento Fanteria il 26 settembre 1886. Il 12 giugno 1892 ottenne il grado di Tenente Colonnello nel 19° Reggimento Fanteria e il 13 febbraio 1896 gli venne affidato il comando del 45° Reggimento Fanteria dove venne nominato Colonnello Comandante il 2 luglio 1896. Il 10 giugno 1900 venne collocato in Posizione Ausiliaria, il 23 gennaio 1908 ottenne il grado di Maggior Generale della Riserva e il 9 aprile 1914 quello di Tenente Generale. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: P. Masoero – Vercelli.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
 
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
     Macerone e Gaeta – 1860
Medaglia di bronzo al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia di bronzo al Valor Militare
     Castelfidardo – 1860
Medaglia di bronzo al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia di bronzo al Valor Militare
     Borgoforte – 1866
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d’Indipendenza 3 barrette
 

img785

Arc. 2605: Fanteria: Fazioli conte Rinaldo in uniforme da campagna da Colonnello Comandante dell’86° Reggimento Fanteria mod. 15 febbraio 1901 – 24 aprile 1902 ( 5 dicembre 1844 – Novara 17 dicembre 1901). Sottotenente nel 1° Reggimento Granatieri il 28 agosto 1864, venne promosso Tenente il 30 dicembre 1871. Capitano del 7° Reggimento Fanteria il 29 maggio 1879, Maggiore nel 39° Reggimento Fanteria il 14 aprile 1889 venne promosso Tenente Colonnello nel 28° Reggimento Fanteria il 7 marzo 1895. Il 23 gennaio 1898 venne promosso Colonnello Comandante dell’86° Reggimento Fanteria. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 

1902 – 1907

img723

Arc. G1: Chinotto Antonio Edoardo in grande uniforme da Colonnello Comandante dell’80° Reggimento Fanteria mod. 25 dicembre 1902 (Arona, 28 settembre 1858 – Udine, 25 agosto 1916). Figlio di Bernardino e di Carolina Chiesa Cassini. A partire dal 1877 frequentò la Regia Accademia Militare di Torino da cui uscì Sottotenente del Genio. Continuò brillantemente la sua carriera militare, e con il grado di Tenente, lavorò alla costruzione dei forti militari in Valtellina. Dopo aver frequento la Scuola di Guerra, da cui uscì con il grado di Capitano nel 1888, fu assegnato al Corpo di Stato Maggiore presso il Ministero della Guerra a Roma. Nel 1896 fu promosso Maggiore assegnato al 69º Reggimento di Fanteria, e nel 1899 Tenente Colonnello del 61º Reggimento Fanteria. L’anno successivo si recò a Liegi, in Belgio, per studiare il sistema di fortificazioni che difendeva la città. Nel 1905 fu promosso Colonnello comandante dell’80º Reggimento Fanteria, e nel 1911 Maggiore Generale Comandante della Brigata di Fanteria “Re”. Nel febbraio 1914 fu collocato in Posizione Ausiliaria, ritirandosi a vita privata a Venezia. In vista dell’entrata in guerra dell’Italia, nel febbraio 1915 fu richiamato in servizio, assumendo il comando della neocostituita Brigata di Fanteria “Piacenza” di stanza nell’omonima città. Con lo scoppio delle ostilità, avvenute il 24 maggio 1915, al comando di tale unità prese parte a numerosi combattimenti sul fronte del Carso, rimanendo ferito tre volte il 25 luglio, una il 4 e una l’8 agosto 1915. Elevato al rango di Tenente Generale e Comandante di Divisione per meriti di guerra il 3 dicembre 1915, fu decorato con Medaglia d’Argento al Valor Militare. Tale decorazione gli fu assegnata “motu proprio” da Re per le brillanti azioni compiute sul Monte San Michele, sul Monte San Martino e a Bosco Cappuccio. Ottenuto il comando della 32ª Divisione, si distinse nel settore di Plava, dove riconquistò alcune delle posizioni perdute. Nel febbraio 1916, a causa di una grave malattia, dovette cedere il comando lasciando la linea del fronte. Rientrò in linea nel maggio dello stesso anno, assumendo il comando della 14ª Divisione operante nel settore di Monfalcone, anche se non in perfette condizioni di salute. Prese parte alla sesta battaglia dell’Isonzo (6-17 agosto), dirigendo personalmente le operazioni che portarono alla conquista della alture vicino a Monfalcone. Al termine delle operazioni, ormai in gravi condizioni a causa della malattia, fu ricoverato all’Ospedale militare di Udine, dove si spense il 25 agosto 1916. Sul letto di morte, il 12 agosto ricevette la promozione a Generale di Corpo d’Armata per meriti straordinari di guerra, venendo poi decorato “motu proprio” da Sua Maestà Re Vittorio Emanuele III con la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria. La salma del generale Antonio Chinotto fu temporaneamente collocata in una colombaia del cimitero monumentale di Udine, ma nel 1922 fu trasportata nel Cimitero degli “Invitti della III Armata” sulla collina di Redipuglia, dove erano tumulate le sacre spoglie di altri ventiquattromila caduti che qualche anno dopo saliranno ad oltre centomila. Fotografia formato 25,5 x 15. Fotografo: Gelly – Charleville. 

Onorificenze

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Oro al Valor Militare
  «Sul Carso, comandante di brigata, ferito due volte il 25 luglio 1915 e nuovamente l’8 agosto, volle rimanere alla testa delle sue truppe, che guidò alla conquista di forti trinceramenti nemici, dando continua prova di tenacia e di sprezzo del pericolo. Sul medio Isonzo, comandante di divisione, sebbene in precarie condizioni di salute, lasciò il comando solo allorché dovette farsi operare. Appena in condizioni di reggersi in piedi, chiese ed ottenne di tornare al posto di combattimento; destinato al comando del settore di Monfalcone, lo tenne fino agli ultimi giorni di sua vita; mirabile esempio a tutti del più alto spirito di sacrificio e delle più belle virtù militari. Prode condottiero, valoroso soldato, morì dopo aver consacrato alla Patria anche le estreme energie, solo deplorando di non poter più nulla dare all’Italia ed al suo Re. Altipiano Carsico, Medio Isonzo, Settore di Monfalcone, luglio 1915- agosto 1916.» – 10 gennaio 1917
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’Argento al Valor Militare
  «Il 25 luglio 1915, ai margini occidentali dell’altipiano Carsico, nel momento in cui il combattimento si svolgeva più accanito, guidava egli stesso i rincalzi all’attacco. Avendo riportato due ferite, di cui una non lieve al braccio destro, continuava a tenere il comando delle truppe e soltanto a sera, a combattimento ultimato, si recava a farsi medicare, ritornando poi subito alle sue truppe.» – 24 novembre 1915
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

img779

Arc. 1748: Fanteria: Rondi Giovanni in grande uniforme da Colonnello Comandante del 49° Reggimento Fanteria mod. 25 dicembre 1902 – 14 febbraio 1907 ( Alessandria 19 giugno 1852 – Rivergaro 29 ottobre 1932). Allievo Ufficiale il 1° gennaio 1869, venne promosso Sottotenente del 1° Reggimento Bersaglieri il 23 agosto 1874. Promosso Tenente il 16 gennaio 1879 frequentò la Scuola di Guerra il 30 settembre 1881 per poi passare all’11° Reggimento Bersaglieri il 6 agosto 1883. Comandato presso lo Stato Maggiore della Divisione Perugia vi rimase fino al 2 giugno 1884. Promosso Capitano nel 54° Reggimento Fanteria l’11 ottobre 1885, ottenne il grado di Maggiore nel 5° Reggimento Fanteria il 24 dicembre 1896. Tenente Colonnello nel 49° Reggimento Fanteria il 29 settembre 1900, ottenne la promozione a Colonnello Comandante dello stesso Reggimento il 14 gennaio 1906. Il 16 giugno 1910 venne collocato in Posizione Ausiliaria e il 2 luglio 1914 nella Riserva. Il 9 maggio 1915 venne promosso Maggior Generale e venne richiamato in servizio fino al 10 marzo 1919. Il 1° febbraio 1923 venne promosso Generale di Divisione. Fotografia formato 13,3 x 10. Fotografo: Sconosciuto.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

img782

Arc. 2028: Fanteria: Cattaneo Ernesto in grande uniforme da Colonnello Comandante del 70° Reggimento Fanteria mod. 25 dicembre 1902 – 14 febbraio 1907 (20 aprile 1858 – Ravenna 4 gennaio 1908). Sottotenente nel 5° Reggimento Fanteria il 31 luglio 1879, venne promosso Tenente il 29 dicembre 1881. Comandato alla Scuola di Guerra nel 1884 passò nel 24° Reggimento Fanteria dal 13 agosto 1885 al 14 agosto 1885 e successivamente venne trasferito al 3° Reggimento. Capitano nel 5° Alpini il 1° ottobre 1887 venne trasferito all’Ispettorato del corpo Alpini per poi essere promosso Maggiore nel 4° Alpini il 18 ottobre 1896. Il 10 giugno 1900 venne promosso Tenente Colonnello nel 6° Alpini e il 7 settembre 1905 ottenne il grado di Colonnello e il comando del 70° Reggimento Fanteria. Fotografia formato 14 x 9. Fotografo: Sconosciuto.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     

img780

Arc. 2035: Fanteria: Pastorelli Giovanni in grande uniforme da colonnello Comandante del 40° Reggimento Fanteria mod. 25 dicembre 1902 – 14 febbraio 1907 Nizza Marittima 29 marzo 1857 – Ospedale Militare di Tripoli/Libia 6 dicembre 1911). Allievo alla Scuola Militare di Modena il 1° ottobre 1877 divenne Sottotenente del 58° Reggimento Fanteria nel luglio del 1879 per poi essere promosso Tenente il 25 dicembre 1881. Capitano del 57° Reggimento Fanteria l’8 aprile 1888 ottenne il grado di Maggiore del 91° Reggimento Fanteria il 10 giugno 1900. Entrato negli Stabilimenti di Pena nel 1901 fu Comandante del Carcere Militare di Napoli e il 6 febbraio 1902 passò a disposizione del Ministero. Come Maggiore fu trasferito come effettivo agli Stabilimenti di Pena l’8 maggio 1902. Il 1° dicembre 1904 venne trasferito al 77° Reggimento Fanteria e il 31 dicembre 1905 venne promosso Tenente Colonnello nel 76° Reggimento. Il 1° gennaio 1906 fu Comandante dei Depositi del reggimento e relatore per poi passare come comandante al 40° Reggimento Fanteria. Allo scoppio della guerra di Libia contro l’Impero Ottomano il 40° Reggimento venne chiamato a far parte della prima spedizione. Alla testa del suo reggimento cadde eroicamente, come ricordato nella motivazione con la quale fu conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare: “Diede prova di valore, trascinando con l’esempio, stando in  prima linea con l’avanguardia per meglio dirigerla, i reparti del suo reggimento sottoposti ad intenso fuoco nemico e, sebbene ferito a morte, trovò nella sua energia e nell’alto concetto ch’egli aveva della sua missione, la tranquillità d’animo e la forza, nel cedere il comando al Tenente Colonnello, di raccomandare a tutti l’onore del reggimento e della sua bandiera, ch’egli aveva tenuto alto”. Ferito gravemente a Ain Zara il 4 dicembre 1911 morì il 6 dicembre all’Ospedale Militare di Tripoli. Fotografia formato 14 x 9. Fotografo: Sconosciuto. 

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia
   
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
     
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia d’oro al valor militare
     Ain Zara – Libia 6 dicembre 1911

img784

Arc. 1963: Fanteria: Sancio Pietro in uniforme ordinaria da Colonnello Comandante del 15° Reggimento Fanteria mod. 24 aprile – 25 dicembre 1902 (Balzola 12 marzo 1848 – Trino Vercellese 12 ottobre 1938). Sottotenente nel 51° Reggimento Fanteria il 17 giugno 1866, partecipò alla campagna di quell’anno contro l’Austria. Tenente il 21 dicembre 1873, frequentò la Scuola di Guerra nel 1875 e fu comandato presso l’Istituto Topografico Militare il 18 ottobre 1880. Il 12 giugno 1881 venne promosso Capitano nel 52° Reggimento Fanteria, Maggiore nell’87° Fanteria il 2 novembre 1890 e Tenente Colonnello nell’88° Reggimento Fanteria il 18 ottobre 1896. il 19 settembre 1899 ottenne il grado di Colonnello e il comando del 15° Reggimento Fanteria e il 1° marzo 1906 venne collocato in Posizione Ausiliaria. Maggior Generale in Riserva il 27 maggio 1911, venne promosso Tenente Generale il 31 agosto 1916 (Generale di Divisione il 1° febbraio 1923). Fu in Congedo Assoluto il 12 marzo 1926. Fotografia formato 16 x 11,7. Fotografo: Rossi – Genova. 

RISERVA DI FANTERIA

img712

Arc. 3006: Riserva di Fanteria: Tenente Colonnello in grande uniforme mod. 29 giugno 1879 – 08 novembre 1888. Fotografia formato gabinetto. Fotografo: G. Ferretto – Treviso. 

I commenti sono chiusi.