Casa Regnante Austria – Este

 

img059

Arc. 414: Francesco V Ferdinando Geminiano d’Asburgo-Este in piccola montura da Tenente Felmaresciallo dell’esercito austriaco ( Modena , 1° Giugno 1819 – Vienna, 20 Novembre 1875 ) appartenente alla linea Asburgo-Este, figlio maggiore del duca Francesco IV d’Asburgo-Este e della principessa Maria Beatrice di Savoia ( 1792 1840 ), fu l’ultimo sovrano regnante del Ducato di Modena e Reggio. Il 30 marzo 1842 Francesco sposò la principessa Aldegonda di Baviera. La coppia ebbe una sola figlia, Anna Beatrice, nata il 19 ottobre 1848 e morta l’anno successivo, l’8 giugno 1849. Alla morte del padre Francesco IV d’Este, il 21 gennaio 1846 Francesco divenne duca regnante di Modena e Reggio, con anche i titoli di duca di Mirandola e Massa, principe di Carrara, marchese di Concordia e signore di Lunigiana. Alla morte di sua cugina l’imperatrice arciduchessa Maria Luigia d’Austria, il 18 dicembre 1847, le successe come duca di Guastalla. Il Duca, di carattere probabilmente più mite del padre Francesco IV, era convinto assertore della sovranità assoluta, che riteneva fosse di emanazione divina e della necessità di reprimere i moti risorgimentali, pensava tuttavia che la soluzione dei fermenti unitari che agitavano i vari stati italiani potesse ritrovarsi in una loro confederazione capeggiata dall’Austria e scrisse una ponderosa memoria intitolata Piano per una confederazione austro italica. Francesco V con la duchessa Adelgonda, per evitare inutili spargimenti di sangue lasciò la sua capitale nominando un governo provvisorio e si ritirò a Bolzano. Le vicende della guerra con la conseguente sconfitta dei piemontesi a Novara, consentirono il suo rientro in patria. Il Duca non si dimostrò vendicativo, solo i capi della rivolta e i delinquenti comuni furono puniti, ai primi fu consentito di lasciare il Ducato. Nel 1859 il ducato entrò nella nuova storia unitaria d’Italia, con l’arrivo dell’esercito del re Vittorio Emanuele II di Sardegna, e l’annessione ratificata da un plebiscito al nuovo Regno d’Italia, Francesco V ed Adelgonda vennero esiliati nel loro Castello di Catajo, nel Veneto ancora austriaco. Al momento dell’abbandono di Modena Francesco V fu seguito da oltre 3500 soldati che formarono la cosiddetta “Brigata Estense” che si aggregò alle truppe austriache. Dopo quattro anni di permanenza nel Veneto in diverse località, dall’Austria giunse l’ordine di scioglimento. A Cartigliano (Vicenza, nei pressi di Bassano del Grappa) il 24 settembre 1863 il duca sciolse le sue truppe. Fu consegnata ad ognuno una medaglia di bronzo con l’effigie del duca e la scritta “FRANCISCUS V AUSTR. ATESTINUS DUX MUTINAE” e sul retro la scritta “FIDELITATIS ET CONSTANTIAE IN ADVERSIS”. Il duca tenne l’ultimo discorso di elogio e ringraziamento per la fedeltà dimostratagli. Buona parte dei militari estensi passò definitivamente nell’Armata Imperiale, i rimanenti furono congedati e rientrarono nel territorio dell’ex Ducato. Dopo la morte della madre nel 1840 Francesco fu considerato l’erede legittimo al trono britannico secondo la linea di successione dei giacobiti, con il titolo di re Francesco I. Dopo la sua morte, secondo questa linea, il titolo passò alla nipote (come Maria III) Maria Teresa Enrichetta Dorotea, principessa di Modena e Reggio, che fu regina consorte di Baviera. Francesco trascorse gli ultimi anni della sua vita tra il Castello del Catajo a Battaglia Terme presso Padova e l’Austria dove morì a Vienna il 20 novembre 1875. È sepolto nella Cripta Imperiale della Chiesa dei Cappuccini. Fotografia CDV. Fotografo: Sconosciuto. 1860 ca.

 

img062

Arc. 1083: Francesco V d’Asburgo-Este in piccola montura da Tenente Feldmaresciallo dell’esercito austriaco. Fotografia CDV. Fotografo: L. Angerer – Vienna. 1860 ca.

 

img060

Arc. 2398: Francesco V d’Asburgo-Este in piccola montura da Tenente Feldmaresciallo dell’esercito austriaco. Fotografia CDV. Fotografo: L. Angerer – Vienna. 1860 ca.

 

img061

Arc. 2743: Adelgonda di Baviera ( Wurzburg, 19 marzo 1823 – Monaco di Baviera28 ottobre 1914 ) nata principessa di Baviera, fu duchessa di Modena e Reggio come sposa di Francesco V d’Asburgo – Este. Era figlia di Ludovico I di Bavierae di Teresa di Sassonia – Hildburghausen, sesta di nove fratelli. Adelgonda incontrò il principe ereditario di Modena e Reggio, Francesco V d’Asburgo-Este, nel 1839 in occasione della visita compiuta da questi al seguito del padre, il duca Francesco IV d’Asburgo – Este. Oltre ai sentimenti personali, anche la ragion di stato concorse all’unione e il matrimonio venne celebrato nella chiesa d’Ognissanti a Monaco di Baviera il 30 marzo 1842. Il 16 aprile la giovane coppia fece il suo ingresso a Modena. Il 21 gennaio 1846 morì il duca Francesco IV, e gli succedette Francesco V. Adelgonda divenne così duchessa di Modena e Reggio. Il 19 ottobre 1848, nacque la figlia Anna Beatrice, che morì l’anno successivo l’8 giugno 1849. Il 30 aprile 1859, con l’intensificarsi degli avvenimenti bellici che stavano interessando gli stati estensi, il duca provvide a far allontanare da Modena la consorte, ed egli stesso lasciò per sempre la città ed il ducato l’11 giugno dello stesso anno. Trascorsero gli anni di esilio al Castello di Catajo, in provincia di Padova. Dopo la morte di Francesco V ( Vienna 20 novembre 1875 ) Adelgonda alternò il suo soggiorno tra Vienna ( Palazzo Modena ) e la natia Baviera ( castello di Wildenwart ). Morì a Monaco il 28 ottobre 1914; venne sepolta a Vienna nella cripta Imperiale della chiesa dei Cappuccini.

I commenti sono chiusi.