Ammiragli

 

img881

Arc. 2457: Léonard Victor Charner in gran montura da Ammiraglio di Francia (Saint-Brieuc, 13 febbraio 1797 – Parigi, 7 febbraio 1869). Nato nel 1797 a Saint-Brieuc, Léonard Victor Charner discendeva da una famiglia originaria della Svizzera romanda che aveva fornito in passato ufficiali e sottoufficiali alla Francia; il padre si era trasferito in Bretagna dalla nativa Neuchâtel per stabilirvi una distilleria, adottando una forma francese per il cognome originario, Tscharner. Entrato a 15 anni all’École de Marine di Tolone, ne uscì nel 1815 per intraprendere la carriera militare nella marina. Nel 1830 partecipò come giovane ufficiale all’invasione di Algeri a bordo del vascello Duquesne e, due anni dopo, alla presa della Cittadella di Ancona; fu poi comandante in seconda della fregata Belle Poule, che riportò in Francia le ceneri di Napoleone I. Promosso capitano di vascello, nel 1843 compì la sua prima missione nell’Estremo Oriente, conducendo Théodore de Lagrené prima a Macao e poi a Canton, dove il diplomatico firmò il trattato di Whampoa. Nel 1852 fu elevato al grado di contrammiraglio e nominato capo di gabinetto di Théodore Ducos, ministro della Marina; in questo ruolo si spese per il rinnovamento della flotta francese, soprattutto in funzione della propulsione a vapore, nello sviluppo della quale dimostrò subito di credere. Allo scoppio della guerra di Crimea fu il comandante del Napoléon, la prima nave a penetrare oltre lo stretto dei Dardanelli e si distinse nelle operazioni marittime, al punto da essere promosso viceammiraglio nel 1855. Il 7 febbraio 1860 fu designato comandante della flotta francese impegnata nella seconda guerra dell’oppio, composta da 68 imbarcazioni da guerra e un altro centinaio di navi mercantili adibite a trasporto. In alleanza con l’ammiraglio britannico James Hope fu protagonista della cattura dei forti di Taku nell’agosto del 1860 e della conseguente occupazione di Tientsin. Vinta la guerra in Cina, Charner si spostò subito in Cocincina per fornire aiuto alla piccola guarnigione francese assediata a Saigon; Napoleone III gli conferì pieni poteri, compresi quelli di estendere la guerra o di trattare la pace. Decise di attaccare le truppe annamite asserragliate a Kỳ Hòa, comandando nel contempo al contrammiraglio Théogène François Page di risalire il fiume Đồng Nai per tagliare la ritirata nemica; pur con gravi perdite, la vittoria nella battaglia di Kỳ Hòa permise ai francesi di riprendere l’iniziativa. Alla fine di marzo del 1861, Charner decise di attaccare Mỹ Tho, il cui possesso avrebbe aperto ai francesi l’accesso alle pianure del Mekong; il contrammiraglio Page, che su suo ordine aveva risalito il fiume con una squadriglia navale, prese la città il 12 aprile 1861. Dopo le prime conquiste, il viceammiraglio si dedicò al riordinamento amministrativo dei territori conquistati; allo scopo sostituì i precedenti funzionari imperiali con uomini di sua fiducia, proclamò lo stato d’assedio e arruolò le prime truppe indigene nell’esercito francese. Il 29 novembre 1861 fu sostituito nel ruolo di governatore militare dell’Indocina francese dal contrammiraglio Louis Adolphe Bonard. Nel febbraio del 1861 aveva ricevuto la gran croce della Legion d’onore. Tornato in Francia nel gennaio del 1862, alla fine del mese fu nominato senatore. Il 15 novembre 1864, dopo la morte di Joseph Romain-Desfossés, fu nominato Ammiraglio di Francia. Léonard Victor Charner morì a Parigi il 7 febbraio 1869. Fotografia CDV. Fotografo: Capelle – St. Brieuc.

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce della Legion d’Onore
   

img018

Arc. 2670: Ferdinand Alphonse Hamelin in gran montura da Ammiraglio di Francia (Pont-l’Évêque –  Parigi, ). Ferdinand-Alphonse Hamelin nacque il 2 settembre 1796 a Pont-l’Évêque (Calvados). Nipote del contrammiraglio Jacques Félix Emmanuel Hamelin, entrò a sua volta nella marina nel 1805 da ragazzo. All’età di tredici anni, fu nominato aspirante e ricevette il battesimo del fuoco il 21 agosto 1808, al largo di Cherbourg. Fatto prigioniero dal nemico nel Mar Indiano, ricevette il primo comando al suo ritorno in Francia, nel dicembre 1810. A quindici anni era alfiere e comandò l’ottava divisione della guardia costiera. Nel gennaio 1814, si imbarcò sulla fregata Terpsichore, fu nuovamente catturato, poi rilasciato dopo la caduta di Napoleone. Ferdinand Hamelin fece una campagna in Brasile sull’Hermione (1816-1817), poi, promosso luogotenente, comandò la Cauchoise e la Guerrière, nella squadriglia di Levante. Attraversa il Mar dei Caraibi, agli ordini del contrammiraglio Jurien (1824-1825), combatte i pirati dell’arcipelago greco a capo della chiatta lampreda. Diventato capitano di fregata, prestò servizio sullo Scipione e comandò l’Eurale e l’Atteone durante la spedizione di Algeri, agli ordini del vice ammiraglio Duperré; si distinse durante lo sbarco di Sidi-Ferruch (14 giugno 1830). Gli fu dato il comando delle fregate Calypso e Resolute a est, poi fece una campagna sulle coste occidentali dell’America a bordo della Favorite. Capitano nel gennaio 1836, comandò la Triton, la Jena e la Ocean a tre piani, come capitano di bandiera dell’ammiraglio Hugon. Ufficiale della Legion d’Onore nell’aprile 1841, ottenne le sue stelle come contrammiraglio il 21 agosto 1842. Maggiore generale a Tolone nel 1842, comandò poi la stazione delle coste occidentali d’America dal 1844 al 1848. Hamelin fu chiamato a Parigi all’inizio del 1848. Promosso vice ammiraglio il 7 luglio 1848, rifiutò l’offerta di François Arago, allora ministro della Marina e delle Colonie, di prendere in consegna il portafoglio dopo di lui. Hamelin ha ricoperto vari incarichi in consigli e commissioni presso il ministero, prima di essere nominato prefetto marittimo di Tolone nell’agosto 1849. Nel luglio 1853 Napoleone III lo chiamò a guidare la spedizione in Crimea. Si distinse per diverse operazioni di successo, in particolare il bombardamento di Odessa (22 aprile 1854), dove furono affondate sessanta navi mercantili russe, e lo sbarco di Eupatoria (13 settembre 1854). Scampò miracolosamente alla morte durante il bombardamento di Sebastopoli (17 ottobre 1854), quando una granata fece esplodere la polveriera della sua nave, la Ville-de-Paris, ferendo gravemente parte del suo staff. Il 2 dicembre 1854 Hamelin fu elevato dall’imperatore alla dignità di ammiraglio di Francia. Tornato in Francia, il 19 aprile 1855, assunse la guida del Ministero della Marina, al seguito di Théodore Ducos. Un ufficiale coraggioso e intransigente, Hamelin, d’altra parte, non fu un politico intelligente.  Nel 1856, il futuro ammiraglio La Roncière Le Noury, che faceva parte del suo staff, addirittura si fece beffe di lui: “Il più stupido è senza dubbio il ministro. È un bullo. Non capisce ed è ignorante. Hamelin, infatti, si accontenta di seguire la politica avviata da Theodore Ducos, e si affida ai direttori del suo ministero per alcune novità: Dupuy de Lôme per la partenza della prima nave corazzata, Layrle per la redazione del Codice di giustizia marittimo. Ordinò le spedizioni in Cocincina (1857-1860) e in Italia (1859). Il 22 novembre 1860 Napoleone III presentò al Consiglio dei Ministri il suo progetto di riforma relativo al diritto di indirizzo. Hamelin, malato e invecchiato, approfittò del movimento di disapprovazione dei ministri per presentare le proprie dimissioni. Il 24 novembre 1860, l’imperatore pose fine alla sua carriera nominandolo Gran Cancelliere dell’Ordine Imperiale della Legion d’Onore. Morì quattro anni dopo, il 16 gennaio 1864. Il 26 gennaio, dopo un grandioso funerale, fu sepolto agli Invalides. Fotografia CDV. Fotografo: L. Cremière – Paris. 

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce della Legion d’Onore
   
Medaglia di Sant'Elena - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia di Sant’Elena
   

img193

Arc. 2664: Alexandre Ferdinand Parseval-Deschenes in piccola montura da Ammiraglio (Paris 27 Novembre 1790 – Paris 10 Giugno 1860). È il nipote del matematico Marc-Antoine Parseval e dell’accademico François-Auguste Parseval-Grandmaison. Imbarcato come volontario nel 1804, prese parte alla riconquista di Fort Le Diamant in Martinica, poi combatté a Trafalgar come novizio a bordo dell’ammiraglia Bucentaure. Il Guardiamarina Parseval-Deschenes prese parte al lavoro di ricognizione idrografica delle coste della Bretagna nel 1815. Nel 1817 fece parte della spedizione che riconquistò il possesso della Guyana tornò in Francia, poi comandò per due anni la stazione navale francese in questa colonia. Nel 1822, allora Tenente di marina, fu insignito della Legion d’Onore per il successo ottenuto nello sbarco della fregata l’Africaine naufragata sulle coste di Terranova. Comandò la fregata Iphigénie durante la spedizione contro il Messico. Partecipò al blocco di Vera Cruz e al bombardamento di San Juan de Ulúa nel 1838, poi all’occupazione dell’isola argentina di Martin-Garcia nel 1839. Era il mentore marittimo del Principe di Joinville. Promosso contrammiraglio il 30 aprile 1840, fu Maggiore Generale della marina a Tolone, poi prefetto marittimo a Cherbourg, prima di comandare lo squadrone delle operazioni nel Mediterraneo. Nominato vice ammiraglio il 15 luglio 1846, fu prefetto marittimo a Tolone, poi di nuovo comandò la squadriglia del Mediterraneo. Entrò nel Consiglio dell’Ammiragliato nel 1851 e presiedette il Marine Works Council. Fu nominato senatore da Napoleone III il 26 gennaio 1852. Durante la guerra di Crimea, comandò la flotta baltica con la quale bombardò la fortezza russa di Bomarsund, di cui ottenne la capitolazione il 16 agosto 1854. Come ricompensa, fu creato ammiraglio il 2 dicembre successivo. Fotografia CDV. Fotografo: Disderi – Paris.

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Cavalieri dell’Ordine della Legion d’Onore
     1822
Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce della Legion d’Onore
     2 dicembre 1854
Médaille militaire - nastrino per uniforme ordinaria    Médaille militaire
   

img151

Arc. 2656: Louis Édouard Bouët-Willaumez in piccola montura da Ammiraglio (Brest  

Onorificenze

Onorificenze francesi

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Cavalieri dell’Ordine della Legion d’Onore
     30 maggio 1837
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore
     18 settembre 1839
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Commendatore dell’Ordine della Legion d’Onore
     6 ottobre 1849
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Grand’Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore
     12 giugno 1856
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Legion d’onore
     30 dicembre 1868
Médaille militaire - nastrino per uniforme ordinaria    Médaille militaire
     29 dicembre 1866
Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859 - nastrino per uniforme ordinaria    Medaille Commémorative de la Campagne d’Italie de 1859
   

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine del Bagno
     29 dicembre 1856
Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidié (Impero Ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria    Commendatore dell’Ordine di Medjidié (Impero Ottomano)
     1857
Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine militare di Savoia (Regno di Sardegna)
     1860
Cavaliere di Gran Croce decorato con Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dei Santi Maurizio e Lazzaro 
     1862  
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di gran croce dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
     1865
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nichan Iftikar (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Nichan Iftikar (Tunisia)
     1865
Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito) con barrette “Mar d’Azof” e “Sebastopoli” 1857.

img019

Arc. 2670: François Thomas Tréhouart de Beaulieu (Epiniac  – Arcachon 

Onorificenze

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Grand’Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore
     
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Legion d’onore
     12 agosto 1860

 

img876

Arc. 2455: Charles Marius “Albert” de Dompierre d’Hornoy (Hornoy   

img196

Arc. 2665: Charles Marius “Albert” de Dompierre d’Hornoy (Hornoy   

img808

Arc. 1808: Camille Adalbert Marie, baron Clément de La Roncière-Le Noury, (Turin – Paris

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce della Legion d’Onore
   
Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito)
Médaille commémorative de la expedition in Mexique - nastrino per uniforme ordinaria    Médaille commémorative de la expedition in Mexique
   

img021

Arc. 2673: Camille Adalbert Marie, baron Clément de La Roncière-Le Noury, (Turin – Paris

img798

Arc. 1980: Abel Aubert du Petit-Thouars, detto Dupetit-Thouars, (Turquant – Paris

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Cavaliere di Gran Croce della Legion d’Onore  

 

img195

Arc. 2665: Abel Aubert du Petit-Thouars, detto Dupetit-Thouars, (Turquant – Paris

img119

Arc. 2576: Jean Pierre Edmond Jurien de La Gravière (Brest  – Paris 

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Cavalieri dell’Ordine della Legion d’Onore
     1842
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore
     1849
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria   Commendatore dell’Ordine della Legion d’Onore
     1854
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria    Grand’Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore
     1862
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria   Grande ufficiale dell’Ordine militare di Savoia
     1859
Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere dell’Ordine di Medjidié (Impero ottomano)
   
Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria    Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Zähringen (Granducato di Baden) - nastrino per uniforme ordinaria    Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine del Leone di Zähringen (Granducato di Baden)
   

img194

Arc. 2664: Louis Pothuau in piccola montura da Vice Ammiraglio (Paris  – Paris

I commenti sono chiusi.